Cura. Con un post sulla sua pagina Facebook, Paolo Antonio Ascierto, medico del Pascale, ha ringraziato il team dell’ospedale napoletano che è in prima linea in questi giorni per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Prosegue, intanto, la sperimentazione del Tocilizumab, che sta avendo buoni risultati sulle infiammazioni causate dal virus.

“In questo momento di grande tensione, è doveroso un ringraziamento ai nostri angeli qui al Pascale”. Lo scrive su Facebook il dottor Paolo Antonio Ascierto, oncologo e ricercatore, presidente Fondazione Melanoma e direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli, punto di riferimento regionale per le terapie oncologiche.

“Sono loro – scrive Ascierto sulla propria pagina sul social network – che con la determinazione e l’umanità di sempre continuano a prendersi cura ogni giorno dei nostri pazienti affetti da melanoma che oggi più che mai hanno bisogno di supporto e rassicurazione. Grazie a tutto il team dell’Unità di Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Pascale, senza di voi non sarebbe lo stesso! #graziesempre”.

Proprio dal Pascale, e dall’ospedale Cotugno di Napoli, era partita nei giorni scorsi la sperimentazione del Tocilizumab, un farmaco che viene solitamente usato nelle terapie oncologiche per limitare gli effetti collaterali provocati da alcuni farmaci immunoterapici e che è stato testato su alcuni pazienti affetti da Covid-19. Non agisce direttamente sul virus, ma ha mostrato di avere buoni risultati sulle infiammazioni delle vie respiratorie causate dal Sars-Cov-2. Dopo la sperimentazione a Napoli, il farmaco si sta dimostrando efficace nel trattamento della polmonite interstiziale anche in altre città italiane.

Ascierto aveva spiegato che il Tocilizumab “neutralizza l’interleuchina 6, la proteina che è il principale vettore dell’infiammazione polmonare prodotta dal Coronavirus, questo ci permette di far recuperare al paziente le sue capacità respiratoria in 24/48 ore, sono risultati molto importanti” e che il suo utilizzo “ci serve ad evitare i morti, consentendoci far uscire i pazienti dalla terapia intensiva e questo per noi è davvero molto importante”.

Sostieni la ricerca contro il Coronavirus

🔴 CORONAVIRUS: Serve un Laboratorio di Ricerca al più presto.Qui all'Istituto Pascale abbiamo individuato un farmaco, il tocilizumab, l’anticorpo monoclonale utilizzato per il trattamento dell’artrite reumatoide che si è rivelato realmente efficace per combattere la polmonite da Covid-19. Ma questo è solo l'inizio, la Ricerca deve andare avanti. Vi chiedo di aderire alla raccolta fondi su Gofundme che consentirà alla mia equipe dell'Istituto Tumori Pascale e all'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di realizzare in pochi giorni un laboratorio di ricerca per studiare la genetica del virus. Perchè è vitale studiarlo qui e ora?Prima impariamo a conoscerlo, prima capiamo come muta, prima possiamo anticiparlo, aggredirlo con terapie sempre più efficaci. Prima la Ricerca può salvare vite umane. Potete fare una donazione sul sito Gofundme al link ↓↓↓https://www.gofundme.com/f/8f3ac-coronavirus-aiutiamo-la-ricerca-del-dott-ascierto Ora più che mai ci occorre il vostro sostegno. Il coronavirus rappresenta oggi un nemico e, come per tutti i nemici: Più si conosce, prima si sconfigge.

Pubblicato da Dott. Paolo Antonio Ascierto – Oncologo e ricercatore italiano su Sabato 14 marzo 2020