Crisanti dice che se non si conterranno le varianti Covid a marzo avremo 40mila contagi al giorno

0
Crisanti dice che se non si conterranno le varianti Covid a marzo avremo 40mila contagi al giorno.

Crisanti dice che se non si conterranno le varianti Covid a marzo avremo 40mila contagi al giorno. Andrea Crisanti, professore di microbiologia all’Università di Padova, è tornato a parlare di lockdown per contenere la diffusione delle varianti del Covid-19: “Se rimaniamo le zone gialle e si fanno addirittura bianche e riapriamo tutto potremo tranquillamente arrivare a 30/40mila casi entro metà marzo. Le zone rosse possono funzionare ma se abbiamo dei focolai con variante brasiliana e sudafricana non può bastare: bisogna chiudere”.

Se non si riuscirà a contenere le varianti del Covid-19 a marzo il rischio concreto è di arrivare a registrare fino a quarantamila contagi al giorno. Andrea Crisanti, professore di microbiologia dell’Università di Padova, non usa giri di parole per spiegare quale sarà il possibile scenario che il nostro Paese dovrà affrontare tra qualche mese se non si applicano subito misure di contenimento del virus e dei suoi ceppi mutati, che sono diffusi anche in Italia, in particolare quello inglese. Intervenendo alla trasmissione Un giorno da pecora su Radio Rai, l’esperto ha spiegato che “la variante inglese ha una capacità di trasmissibilità elevatissima: in Inghilterra sono passati da 10mila a 60mila in tre settimane. Se mi aspetto un aumento notevole dei contagiati viste queste premesse? Si, nelle prossime due o tre settimane, a meno che non si adottino misure di contenimento”.

Per Crisanti il sistema a colori, fin qui adottato, non basta. “Se rimaniamo le zone gialle e si fanno addirittura bianche e riapriamo tutto potremo tranquillamente arrivare a 30/40mila casi entro metà marzo”, ha aggiunto sottolineando che bisogna anticipare il virus e fare zone rosse dove necessario e non escludere un nuovo lockdown. “Le zone rosse  – ha detto – possono funzionare ma se abbiamo dei focolai con variante brasiliana e sudafricana questo tipo di zona non può bastare: bisogna chiudere. Servono misure draconiane, perché se si diffondono queste varianti abbiamo eliminato l’arma che abbiamo, il vaccino”.

Per cui, il consiglio di Crisanti è “una doppia strategia, di medio contenimento con zone arancioni e zone rosse, le quali potrebbero andare bene in determinate situazioni, ma non dove circolano le varianti. In Italia ci sono un paio di focolai, in Umbria e in Abruzzo, in questi casi bisogna fare un lockdown chirurgico”. Non è la prima volta che l’esperto parla di ritorno al confinamento. Già nei giorni scorsi, infatti, aveva dichiarato che “bisogna mettersi una cosa in testa: finché non controlliamo il virus, la realtà è questa e bisogna mettersi l’anima in pace. Se avessimo fatto il lockdown a dicembre e poi ora il controllo delle varianti, noi oggi avremmo gli impianti sciistici aperti probabilmente”.

Articolo PrecedentePositiva al Covid-19, licenziata perché assente dal lavoro: la storia di Maria Stella
Prossimo ArticoloNoto, avvisano i familiari che è morta per Covid: ma il suo cuore torna improvvisamente a battere
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.