Costretto a fare 300 squat dalla polizia per aver violato il coprifuoco: morto 28enne filippino

0
Costretto a fare 300 squat dalla polizia per aver violato il coprifuoco.

Costretto a fare 300 squat dalla polizia per aver violato il coprifuoco. Un 28enne filippino, Darren Manaog Penaredondo, è morto il 5 aprile scorso dopo essere stato costretto a fare 300 squat dalla polizia locale come punizione per aver violato il coprifuoco anti Covid. Il sindaco della cittadina chiede che sia aperta un’inchiesta: “Vogliamo sapere cosa è successo veramente per il bene della famiglia”.

Sta facendo il giro del mondo la storia di Darren Manaog Penaredondo, 28enne filippino morto dopo essere stato costretto a fare circa 300 squat dalla polizia del suo Paese come punizione per aver violato il coprifuoco anti Covid. Come riportano i maggiori giornali internazionali, dalla BBC a El Clarin, citando fonti vicine alla famiglia, il ragazzo è stato presumibilmente fermato dagli agenti mentre comprava delle bottiglie d’acqua giovedì scorso 1 aprile dopo le 18.00 ora locale nella provincia di Cavite, infrangendo così il coprifuoco in vigore a su tutta l’isola di Luzon per fermare l’ondata di contagi da Coronavirus.

Dopo due giorni, il 5 aprile, Penaredondo è morto. La compagna Reichelyn Balce ha detto che lui e un gruppo di amici sono stati costretti a fare 100 squat per punizione, ma hanno dovuto ripetere l’esercizio finché non lo avrebbero “fatto insieme, contemporaneamente”, facendone infine 300. Un portavoce della polizia locale, Marlo Solero, ha smentito la notizia sottolineando che non sono previste punizioni fisiche per coloro che violano le regole del coprifuoco, ma solo lezioni degli ufficiali, aggiungendo ai media locali che se si scoprisse che gli i suoi uomini hanno applicato la punizione, non sarebbe stata tollerata. Ma la famiglia del 28enne dal canto suo insiste. “Quando è tornato a casa venerdì, intorno alle 8 del mattino, era distrutto”, ha detto Balce al sito di notizie locale Rappler. “Ho chiesto se fosse stato picchiato. Non ha voluto rispondere. Non era in grado di stare in piedi e strisciava sul pavimento perché le gambe e le ginocchia gli facevano così male”.

Stando sempre al racconto della compagna, il 28enne poco dopo ha iniziato a soffrire di convulsioni e ha dovuto essere rianimato da un vicino di casa. Ma poi non c’è stato nulla da fare. La vicenda ha fatto storcere il naso anche al sindaco Ony Ferrer, che ha rilasciato una dichiarazione su Facebook, impegnandosi a svolgere un’indagine completa. “Vogliamo sapere cosa è successo veramente per il bene della famiglia. Vogliamo far rispettare le regole contro il contagio ma non ha mai fatto parte della nostra politica ferire o torturare chiunque la violi”, ha detto.

Articolo PrecedenteAnziana scomparsa in Gallura: i cani fiutano una pista. La figlia: “Aiutateci a ritrovarla”
Prossimo ArticoloScambia un infarto per una gastrite e il paziente muore: medico accusato di omicidio colposo
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.