Cosi è stata uccisa Ashli Babbit, la veterana colpita da un proiettile nell’assalto al Congresso Usa

0
Cosi è stata uccisa Ashli Babbit, la veterana colpita da un proiettile nell’assalto al Congresso Usa.

Cosi è stata uccisa Ashli Babbit, la veterana colpita da un proiettile nell’assalto al Congresso Usa. Gli ultimi istanti di Ashli Babbit, l’attivista QAnon uccisa da un agente durante l’assalto al Congresso Usa da parte dei sostenitori di Trump. La 35enne di San Diego ed ex membro dell’Air Force Usa era una convinta sostenitrice di Trump: è stata colpita da un proiettile di pistola esploso da distanza ravvicinata da uno degli agenti di guardia al Congresso Usa.

Colpita da un proiettile di pistola esploso da distanza ravvicinata da uno degli agenti di guardia al Congresso Usa mentre cercava di entrare negli uffici, così è stata uccisa Ashli Babbit la 35enne veterana dell’aeronautica statunitense, morta all’interno dei corrodi del Congresso durante l’assalto dei sostenitori di Trump mercoledì al Parlamento americano. Come dimostrano diversi video registrati in quel momento dagli stessi assalitori, la manifestante si trovava in prima fila con molte altre persone davanti a una delle porte interne del Palazzo sbarrata dalle guardie di sicurezza quando è avvenuto il fatto. Alcuni avevano già iniziato a rompere i vetri della porta e proprio in una delle fessure del vetro sta cercando di infilarsi Ashli Babbit quando è stata colpita.

Dai video si vedono diversi agenti in borghese, guardie di sicurezza del Congresso, che puntano le armi sui manifestanti da dietro la porta. La donna è la prima che cerca di entrare scavalcando ma uno degli agenti più vicini si fa avanti ed esplode un colpo che la colpisce in pieno. La donna cade all’indietro sanguinante e viene soccorsa dagli altri manifestanti proprio mentre le sue spalle da una scala giungono altri agenti armati questa volta in divisa. Ashli Babbit è stata poi trasportata d’urgenza in ospedale dove però è morta poco dopo. Secondo i primi rilievi della polizia non sarebbe stata armata ma in quel momento nessuno lo poteva sapere.

Ashli Babbit, 35enne di San Diego ed ex membro dell’Air Force Usa, era una convinta sostenitrice di Trump come confermano le tante foto si social ed era a Washington per partecipare al comizio di Trump contro la conferma del voto delle elezioni presidenziali Usa da cui poi è partito l’assalto dei manifestanti. I familiari dicono che Babbitt era una veterana che ha prestato servizio per 14 anni nell’Air Force. Secondo la polizia è stata colpita da un agente in borghese dopo aver tentato di entrare nelle stanze del Congresso nonostante gli avvertimenti.

Ashli Babbit, veterana dell’aeronautica uccisa negli scontri di Washington: ecco chi sono i 4 morti. Sono quattro le vittime dell’assalto al Congresso Usa: tra queste c’è una donna, Ashli Babbit, sostenitrice di Donald Trump morta per dei colpi di pistola sparati da un agente di polizia all’interno di Capitol Hill. La donna, veterana dell’aeronautica, era partita da San Diego per partecipare alla protesta.

Quattro vittime accertate, ma solo di una si sa esattamente chi sia. La dinamica, invece, non è chiara in ogni caso. Il bilancio dei morti e feriti del violento attacco al Congresso degli Stati Uniti si sta iniziando a tracciare: il capo della polizia Robert Contee ha spiegato che ci sono stati quattro decessi: “vittime di diverse emergenze mediche che ne hanno causato la morte”. Nessun ulteriore dettaglio, mentre la Cnn ha spiegato che diverse persone sono state trasportate in ospedale per problemi cardiaci o fratture causate mentre cercavano di arrampicarsi sul Campidoglio, ma la polizia non ha chiarito se le vittime siano tra loro. Al momento sarebbero 52 le persone arrestate per aver partecipato all’assalto, ha spiegato Contee: 4 perché in possesso di pistole, uno per possesso di arma proibita, 47 per violazione del coprifuoco e ingresso illegale al Congresso. Tra gli agenti 14 feriti, due gravi: uno è stato colpito dai manifestanti dopo essere stato spinto tra la folla, l’altro invece è stato ferito al volto da un proiettile.

L’unica vittima di cui si conosce nome e cognome è Ashli Babbit, partita da San Diego, in California, ed era una veterana dell’aeronautica militare. Si tratta della donna centrata in pieno petto da colpi di pistola sparati dalla polizia, si tratterebbe di un agente in uniforme del Campidoglio, con la sua arma di servizio. In ogni caso non è stato ancora chiarito chi abbia sparato. La manifestante pro Trump è stata colpita dentro all’edificio, Capitol Hill, mentre stringeva in mano una bandiera delle tante viste tra gli attivisti.

Il marito della vittima avrebbe detto ad un emittente locale in California, che la donna era una grande sostenitrice di Donald Trump, come testimoniano anche le foto di lei con il cappellino più diffuso tra i fan del presidente uscente: quello, ormai iconico, rosso con la visiera e la scritta “make America great again”. Per chiarire la dinamica della morte della donna è stata aperta un’indagine interna, ha spiegato la stessa polizia.

 

Articolo PrecedenteUna reazione allergica grave ogni 100mila dosi di vaccino anti COVID: primi dati sulle vaccinazioni
Prossimo ArticoloLe varianti mutate del coronavirus possono reinfettare i guariti: lo suggerisce studio italiano
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.