Cosenza. Salvatore Cerchiara, un bambino di sei anni, è morto ieri pomeriggio dopo essere stato investito da un’auto. Il piccolo stava giocando con il fratello e le sorelle quando il pallone è finito in strada. Lui l’avrebbe inseguito ma è stato travolto dalla vettura guidata da una trentenne, ora indagata per omicidio colposo.

Un bimbo di 6 anni ha perso la vita intorno alle 14 dopo essere stato investito da un’auto. La tragedia è avvenuta lungo la strada che da Corigliano-Rossano attraversa contrada Colucci del comune di San Giorgio Albanese e conduce a Vaccarizzo Albanese, in provincia di Cosenza. Stando a una prima ricostruzione, il bambino stava giocando insieme ad alcuni coetanei in un cortile quando, di corsa, ha attraversato la strada. La donna alla guida dell’auto, un fuoristrada Suzuki, non è riuscita ad evitarlo, travolgendolo in pieno. La conducente, di 30 anni, si è fermata immediatamente per prestare soccorso. Sul posto è giunto anche l’elisoccorso, ma il piccolo è morto durante il trasporto verso l’ospedale. Sull’esatta dinamica dell’incidente indagano i carabinieri, che del caso hanno informato la Procura di Castrovillari.

La piccola vittima si chiamava Salvatore Cerchiara, viveva  con la sua famiglia nel Comune di Cerchiara di Calabria, sul Pollino, ed era andato a casa dei nonni materni che abitano proprio nella contrada Colucci di San Giorgio Albanese. Dopo aver pranzato il piccolo è uscito in cortile insieme al fratellino e alle due sorelline: probabilmente la palla con la quale stavano giocando è finita in mezzo alla strada. Il bimbo l’avrebbe rincorsa mentre transitava un’auto, che l’ha investito. Impossibile per la trentenne alla guida evitare l’impatto. La sua auto è stata sequestrata; la donna è risultata negativa ai test su eventuale consumo di alcol o di sostanze stupefacenti ma è stata iscritta nel registro degli indagati con l’ipotesi di reato d’omicidio colposo.