Cos’è il certificato verde digitale e come funziona il green pass Covid per viaggiare

0
Cos’è il certificato verde digitale e come funziona il green pass Covid.

Cos’è il certificato verde digitale e come funziona il green pass Covid. Tutto quello che c’è da sapere sul pass covid europeo, il certificato verde digitale, che sarà valido in tutti gli Stati membri dell’Ue, per agevolare la libera circolazione sicura dei cittadini durante la pandemia di Covid-19. Il documento, che include un QR code, attesterà se una persona è stata vaccinata contro il Coronavirus, se si è sottoposta a test che ha dato esito negativo o se è guarita dalla malattia.

Per viaggiare in Europa la prossima estate sarà con molta probabilità necessario esibire il cosiddetto “certificato verde digitale”, un documento che sarà valido in tutti e 27 gli Stati membri, ma che potrà essere introdotto anche in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera, e che permetterà di agevolare la libera circolazione sicura dei cittadini durante la pandemia di Covid-19. Il pass covid europeo sarà disponibile, gratuitamente, in formato digitale o cartaceo e includerà un codice QR (a barre) per garantire la sicurezza e l’autenticità del documento.

Ciò non si significa che bisogna essere per forza vaccinati contro il Coronavirus per poter viaggiare: il certificato, infatti, attesterà anche se una persona ha ottenuto un risultato negativo al test oppure se è già guarita. Per questo è improprio chiamare questo documento “passaporto vaccinale” o “certificato vaccinale”. Al momento si tratta solo di una proposta legislativa della Commissione europea che istituisce un quadro comune di riferimento comunitario, ma non è escluso che il green pass europeo diventi presto realtà. A breve la proposta dovrà essere approvata dal Parlamento europeo e dagli Stati membri ed entro la prossima estate la Commissione istituirà un’infrastruttura digitale che agevoli l’autenticazione dei certificati verdi digitali.

Cos’è il certificato verde vaccinale

Il certificato verde digitale, o green pass europeo, è una prova digitale attestante che una persona è stata vaccinata contro il Covid-19, ha ottenuto un risultato negativo al test oppure è già guarita dopo la malattia. Si tratta di un documento che sarà in formato digitale e/o cartaceo, con codice QR dotato di firma digitale per impedirne la falsificazione, e scritto nella lingua nazionale e in inglese.

Il green pass Covid è gratuito
Il certificato verde europeo è gratuito. Gli Stati membri devono sostenere solo i costi di realizzazione dell’infrastruttura a livello nazionale. La Commissione finanzierà la creazione di un gateway a livello dell’UE e aiuterà gli Stati membri nello sviluppo dei software che utilizzeranno i verificatori preposti alla scansione del codice QR.

Bisogna essere vaccinati per viaggiare?
No. Il certificato verde digitale può infatti non solo fornire la prova di avvenuta vaccinazione contro il Covid, ma anche quella dei risultati dei test, che spesso sono richiesti nell’ambito delle restrizioni sanitarie applicabili. Per chi è stato vaccinato, gli Stati membri dovrebbero rilasciare certificati di vaccinazione indipendentemente dal tipo di vaccino anti Covid-19.

Come funzionerà il pass covid
Il certificato verde digitale contiene un codice QR con una firma digitale. Al momento del controllo del certificato, ci sarà la scansione del codice QR e la verifica della firma. La Commissione europea creerà un gateway, mediante il quale tutte le firme dei certificati potranno essere verificate in tutta l’UE. Il green pass conterrà informazioni fondamentali necessarie quali il nome, la data di nascita, lo Stato membro di rilascio e l’identificativo univoco del certificato. Per il certificato di vaccinazione, verrà specificato il prodotto vaccinale e fabbricante, numero di dosi, data di vaccinazione; per il certificato di test il tipo di screening (test NAAT/RT-PCR o test rapido antigenico), data e ora del test, centro di test e risultato; per il certificato di guarigione la data del risultato positivo del test, soggetto che ha rilasciato il certificato, data di emissione, data di validità.

Il trattamento dei dati personali e la privacy
Per quanto riguarda il trattamento dei dati personali, dal momento che nei certificati verdi digitali vi sono dati medici sensibili, sarà garantito un altissimo livello di protezione. I certificati conterranno solo una serie limitata di informazioni necessarie, che non potranno essere conservate dai paesi visitati.  Tutti i dati sanitari rimarranno negli Stati membri che hanno rilasciato il certificato. Il sistema dei certificati verdi digitali non richiederà la creazione e la manutenzione di una banca dati a livello dell’UE.

Per quanto tempo sarà valido
I certificati sono collegati alla pandemia di Covid-19, per cui, nelle intenzioni del legislatore, il sistema dei certificati verdi digitali sarà sospeso una volta che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) avrà dichiarato cessata l’emergenza di sanità pubblica di portata internazionale causata dal Coronavirus. Nel caso in cui, sempre l’Oms dichiari una nuova emergenza causata dal Covid-19 o da una delle sue varianti, il sistema potrebbe essere riattivato. Il regolamento introduce inoltre alcuni principi di base, tra cui la fissazione del periodo massimo di validità del certificato di guarigione a 180 giorni.

Articolo PrecedenteNuovo dpcm, in arrivo la stretta dopo Pasqua: ipotesi mini proroga, nessuna Regione in giallo
Prossimo ArticoloPrima 79%, poi 76%: qual è davvero l’efficacia del vaccino Covid di Astrazeneca
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.