Cosa sta succedendo a Netflix?

0
Chiang Mai, Thailand - March 22, 2016: screen shot of Netflix application showing on Asus Zenfone 2 mobile phone. Netflix is a global provider of streaming movies and TV series.

La società crolla a Wall Street dopo i conti trimestrali deludenti, gli utenti non crescono come previsto

Un crollo netto in Borsa, un tonfo. Netflix apre a Wall Street in calo del 13% dopo conti trimestrali che hanno deluso il mercato.

La società ha registrato negli ultimi tre mesi meno abbonamenti del previsto: sono stati infatti 5,15 milioni gli utenti che hanno scelto di abbonarsi: le stime, invece, prevedevano un incremento di 6,2 milioni. L’utile netto ricavato dalla società è in aumento rispetto allo stesso periodo del 2017 ma gli analisti di Wall Street di aspettavano di più. Nel trimestre che è terminato il 30 giugno Netflix ha registrato ricavi per 3,91 miliardi di dollari, contro attese che erano di 3,94 miliardi di dollari. Si tratta, comunque, di numeri in rialzo del 40,3% rispetto ai 2,78 miliardi di dollari dello stesso periodo di un anno fa.

Gli utenti abbonati sono cresciuti meno delle attese: a livello globale si è registrato un incremento di 5,2 milioni, circa un milione in meno rispetto alle aspettative. Alla fine del secondo trimestre erano in tutto 130 milioni. Al ribasso anche le aspettative per il trimestre in corso: Netflix si attende utili adjusted di 68 centesimi, 3,98 miliardi di dollari di ricavi e una crescita di utenti di 5 milioni, contro attese per oltre 6 milioni.

Nonostante ciò la società continua a investire: entro la fine del 2018 prevede di spendere 8 miliardi in contenuti originali, per realizzare 700 serie.

Ma a cosa è dovuto questo calo? Uno dei fattori è sicuramente la crescita dei rivali di Netflix. Il maggiore ‘antagonista’ della società di video streaming è Amazon Prime Video che continua a realizzare serie tv e documentari e di recente è entrata nel mondo dei contenuti live e in particolare del calcio (Premier League). Rivale storica di Netflix è poi Youtube che a marzo 2017 ha lanciato negli Stati Uniti YouTube Tv: oltre 40 canali in abbonamento e un palinsesto ‘fai da te’ da guardare a casa o sullo smartphone, con la massima flessibilità. Ma la concorrenza per Netflix non si ferma qui: anche Apple sta intensificando le sue attività nel settore, acquisendo i diritti per decine di future serie tv e, secondo recenti indiscrezioni di Hollywood Reporter, si troverà presto ad acquistare o una content company o un servizio di streaming televisivo. Negli Stati Uniti, inoltre, nel 2019 arriverà anche Disney con il suo servizio di contenuti streaming e ci sono tante altre realtà come Hulu e HBO Now. A rosicchiare abbonati ai servizi in streaming ci sono anche i social network, Facebook in primis.

Articolo PrecedenteStupro di gruppo, sentenza shock della Cassazione: se la vittima si è ubriacata non sussiste l’aggravante
Prossimo ArticoloBohemian Rhapsody: ecco il nuovo lungo trailer italiano del biopic su Freddie Mercury interpretato da Rami Malek
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.