Cosa si sono detti Salvini e Berlusconi nella telefonata del disgelo

0
Giogrgia Meloni (FdL), Silvio Berlusconi (Forza Italia), e Matteo Salvini (Lega) in occasione dell'appello finale al voto dei leader di Forza Italia, Lega, Fdl e Noi con L'Italia, Roma, 1 marzo 2018. ANSA/FABIO FRUSTACI

Nuovo nome al posto di Foa per la Rai. Toti commissario a Genova. Flat tax per tranquillizzare i mercati. Ampia intesa col fronte Visegrad sull’immigrazione. I consigli di Silvio nel colloquio col vicepremier.

a prima volta si sono sentiti il 25 agosto. E non lo facevamo da quasi un mese. Un mese di gelo, ripicche e accuse incrociate. Quella volta sarebbe stato Silvio Berlusconi a telefonare a Matteo Salvini per esprimergli tutta la sua solidarietà subito dopo l’avviso di garanzia che il vicepremier ha ricevuto dalla procura di Agrigento. Qualche giorno dopo sarebbe stato il leader leghista a chiamare il Cavaliere. Parlare di prove tecniche di dialogo per rimettere assieme i cocci del centrodestra è prematuro. Ma la notizia è che i due si parlano, sanno che prima o poi avranno bisogno dell’uno dell’altro.

GOVERNO CONTE: PATTO DI NON BELLIGERANZA

L’unica cosa che Berlusconi e Salvini hanno concordato è quello di vedersi a settembre, forse a Milano, per chiudere tutte le partite aperte: Rai ed elezioni amministrative su tutte, con il Carroccio che frenerebbe sulla volontà di andare da solo in Abruzzo e Basilicata. Per il resto il ministro dell’Interno, in queste conversazione, si sarebbe lamentato dell’atteggiamento degli azzurri; l’ex premier invece avrebbe provato a mettere le basi per salvare quello che rimane della loro alleanza, offrendo non pochi consigli, forse neppure richiesti. Cioè starebbe tentando a riportare indietro le lancette, quando aveva garantito a Salvini un patto di non belligeranza verso il governo Conte, pur restando all’opposizione.

Governo: Conte, clima lavoro molto buono

RAI: NUOVO NOME IN VIGILANZA DA CONCORDARE COL PD

Chi è venuto a conoscenza dei colloqui racconta che Salvini e Berlusconi si soffermati sui temi di stretta attualità – l’incidente di Genova, le salita dello spread o la manovra -, non hanno parlato della presidenza Rai, che è il primo dossier da risolvere a settembre, con i cinque stelle che si aspettano dall’alleato un accordo con quello che rimane di Forza Italia. Anche perché gli azzurri – che giurano e spergiurano di non aver avuto alcun segnale dal Carroccio – ripetono che la loro posizione non cambia: la maggioranza deve venire in commissione di Vigilanza Rai con un nuovo nome al posto di quello Marcello Foa e concordarlo con loro e con il Partito democratico.

MARCELLO FOA BERLUSCONI SALVINI RAI

GENOVA: TOTI COMMISSARIO ALL’EMERGENZA E ALLA RICOSTRUZIONE

Ma prima di chiudere questo capitolo, la Lega deve garantire a Forza Italia altri passaggi. Su Genova per esempio Berlusconi avrebbe chiesto a Salvini in primo luogo di forzare le resistenze dei grillini e di nominare il governatore della Liguria Giovanni Toticommissario sia all’emergenza sia alla ricostruzione. Sempre il Cavaliere avrebbe consigliato al ministro dell’Interno di studiare deroghe al codice degli appalti, approvare velocemente una legge per il centro ligure e di avere un atteggiamento meno cauto verso la presa di distanze dal ministro delle InfrastruttureDanilo Toninelli, mettendo in luce i pochi controlli sul ponte Morandi fatto dai suoi uffici.

Toti, ritorno Cav sanerebbe vulnus

IMMIGRAZIONE: MEGLIO NON ROMPERE CON FRANCIA E GERMANIA

Salvini e Berlusconi poi avrebbero parlato anche di immigrazione e della crisi legato allo sbarco della nave Diciotti con a bordo 177 migranti. I due avrebbero concordato che al ministro dell’Interno serve un pieno mandato del parlamento per gestire con maggiore forza in Europa il dossier immigrazione. Al di là dell’amicizia comune, Berlusconi avrebbe anche consigliato al leghista di andare avanti con il rapporto con il premier unghereseViktor Orban, ma di farlo creando un’ampia intesa con tutto il fronte di Visegrad. Tra i suggerimenti poi quelli di continuare la strada degli accordi con i Paesi di partenza e di non rompere del tutto con Francia e Germania, nostri partner storici.

Profughi Diciotti, torture e venduti

MERCATI: PER CALMARLI PUNTARE SULLA FLAT TAX

Altro argomento di queste conversazioni le tensioni sui mercati. Secondo Berlusconi un segnale da dare al mondo finanziario è quello di puntare sulla flat tax – guarda caso nel programma elettorale del centrodestra – lasciando stare pensioni e reddito di cittadinanza. Pare che Salvini abbia ribadito la centralità della tassa piatta, ma avrebbe anche aggiunto che rompendo con il M5s sulla manovra, non ci sarebbe neppure un governo per fare la legge. E che l’alternativa sarebbe un’accozzaglia stile Monti, che non rimetterebbe certamente in gioco Forza Italia.

AMMINISTRATIVE, APPOGGIO ESTERNO, MEDIASET: SI TRATTA

Quella tra Salvini e Berlusconi è una partita a scacchi. Il primo mostra attenzione al vecchio alleato, ma non concede nulla alle sue richieste né si espone sul futuro del centrodestra. In quest’ottica non sono arrivate né rassicurazioni sulla Rai né sulle Amministrative. L’altro mette sul piatto quello che ha: un appoggio de facto esterno dei suoi – anche implicito – e delle sue tivù in cambio della pax concordata soprattutto sul futuro di Mediaset quando partì il governo Conte. Inutile dire che Lega e Forza Italia sono ancora lontane dal chiudere un accordo o da rompere definitivamente. Sarà un settembre molto caldo.

Articolo PrecedenteMotorola One è ufficiale: il primo Android One della famiglia, col notch ma sotto i 300€ (foto)
Prossimo ArticoloMatteo Salvini, ecco chi è il no global che l’ha denunciato per odio razziale
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.