Coronavirus, Usa scelgono chi salvare: disabili e altri malati esclusi dalla terapia intensiva

0
Coronavirus, Usa scelgono chi salvare

Coronavirus. Mentre gli Stati Uniti stanno cercando di affrontare la pandemia di coronavirus, vari Stati forniscono ai medici dei criteri guida da utilizzare per prendere le decisioni più complicate: scegliere chi attaccare a un respiratore e chi no. Diversi gli Stati che escludono i più vulnerabili dall’accesso alla terapia intensiva.

Negli Stati Uniti il numero dei contagi da coronavirus aumenta sempre più e nelle ultime ore è stata registrata un’impennata di casi positivi nello Stato di New York. E mentre gli ospedali si preparano a essere invasi da pazienti positivi al Covid-19, i vari Stati stanno fornendo dei criteri guida per prendere le decisioni più difficili ovvero come scegliere chi attaccare a un respiratore e chi no. Secondo quanto riassume un articolo di Avvenire, in Tennessee saranno le persone affette da atrofia muscolare spinale ad essere escluse dalla terapia intensiva. In Minnesota la cirrosi epatica, le malattie polmonari e gli scompensi cardiaci saranno quelle patologie che toglieranno ai malati di coronavirus la possibilità di avere un respiratore. Nello Stato di Washington e in quelli di New York, Alabama, Tennessee, Utah, Minnesota, Colorado e Oregon, i medici dovranno valutare il livello di “abilità fisica e intellettiva generale” prima di intervenire per provare a salvare una vita. Il Michigan darà la precedenza ai lavoratori dei servizi essenziali.

Coronavirus, niente respiratori ai disabili
Fra i circa 36 Stati che hanno reso noti i loro criteri durante questa emergenza sanitaria, una decina elenca anche considerazioni di tipo intellettivo, altri parlano di condizioni precise che possono portare alla discriminazione dei disabili. Criteri che hanno suscitato l’allarme delle associazioni di difesa dei disabili. Alcuni hanno fatto causa allo Stato di Washington per impedire l’entrata in vigore dei criteri per l’accesso alle cure per il Covid-19, altre organizzazioni si sono appellate al governo federale affinché imponga alle Amministrazioni locali e agli ospedali il principio che i disabili hanno diritto allo stesso trattamento della altre persone. “Le persone affette da disabilità sono terrorizzate che se le risorse si fanno scarse, verranno inviati in fondo alla fila – dice Ari Ne’eman, docente al Lurie Institute for Disability Policy dell’Università Brandeis –. E hanno ragione, perché molti Stati lo affermano in modo abbastanza esplicito nei loro criteri”.

 

Articolo PrecedenteMedico foggiano ucciso dal coronavirus a 59 anni: “Mandato in trincea senza protezioni”
Prossimo ArticoloCoronavirus, un morto e 52 i nuovi contagiati in Sardegna
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.