Coronavirus, morto il dottor Gino Fasoli. Era rientrato dalla pensione per aiutare i colleghi

0
Coronavirus, morto il dottor Gino Fasoli.

Coronavirus. Il dottor Gino Fasoli aveva rinunciato a godersi la pensione dopo una vita di lavoro ed era tornato a indossare il camice bianco per aiutare i suoi colleghi in difficoltà nell’affrontare il coronavirus. La malattia ha però contagiato anche lui causandone la morte.

Aveva rinunciato a godersi la pensione dopo una vita di lavoro ed era tornato a indossare il camice bianco per aiutare i suoi colleghi in difficoltà nell’affrontare il coronavirus. Il dottor Gino Fasoli è morto proprio a causa dell’epidemia sabato scorso: aveva 73 anni ed è deceduto all’Istituto clinico San Rocco a Ome, vicino Brescia.

Il dottor Fasoli – originario di Sulmona – viveva a Passirano e per molti anni è stato medico di base a Cazzago San Martino, dopo aver lavorato al pronto soccorso di Bornato. Nel 2016 era andato in pensione ma non aveva mai rinunciato alla sua vocazione di aiutare gli altri impegnandosi nel volontariato con il trasporto ammalati a Lourdes e con il sostegno a Emergency in Africa. Grande amante della montagna, è stato descritto da colleghi e amici come una persona generosissima e sempre disponibile, tant’è vero che dopo l’esplosione dell’emergenza non si era tirato indietro dal dare una mano agli operatori sanitari per combattere il coronavirus.

Gino Fasoli aveva deciso di tornare in “prima linea” quando era ormai diventata chiara a tutti la gravità della situazione: aveva deciso di non risparmiarsi e mettere al servizio della comunità la sua esperienza. “È stato un bravo medico – ha ricordato Antonio Mossini, sindaco di Cazzago San Martino, paese dove il dottore  aveva lavorato – era una persona molto riservata e apprezzata da tutti”. Decine anche i messaggi di cordoglio su Facebook: “Un medico a modo, sensibile e responsabile nei viaggi con i malati”, “Un bravo dottore e una bella persona”, “Una persona amabile” sono solo alcuni dei messaggi. La salma del medico è stata tumulata a Sulmona, dove si trova la famiglia composta dal fratello Gabriele, dalla cognata Gabriella e dalla nipote Anna Paola.

 

Articolo PrecedenteCoronavirus, dipendente pompe funebri di Bergamo: “Mai visti tanti morti, la città in ginocchio”
Prossimo ArticoloCoronavirus, parla il prof. Galli: “Non finisce prima di 3 mesi. Vaccino dopo l’estate”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.