Coronavirus, morti altri due lavoratori Poste Italiane: virus contratto agli sportelli

0
Coronavirus, morti altri due lavoratori Poste Italiane

Coronavirus. Calogero Giovanni Rizzo, 60 anni compiuti l’11 marzo, e Roberto Rossi, 64 anni, sono morti due giorni fa in Lombardia: erano due dipendenti di Poste Italiane a hanno contratto il cornavirus al lavoro, a causa del contatto ravvicinato con i clienti degli sportelli e gli altri colleghi negli uffici.

Dopo i primi due decessi nella bergamasca altri due dipendenti di Poste Italiane hanno perso la vita a causa del coronavirus. Calogero Giovanni Rizzo, 60 anni compiuti l’11 marzo, è morto due giorni fa a causa del covid-19 dopo essere stato a lungo ricoverato in ospedale in gravissime condizioni. Lavorava come sportellista all’ufficio postale di Merate, in provincia di Lecco, e in seguito alla sua positività alla malattia l’ufficio postale della cittadina lombarda era stata chiusa solo per il tempo necessario a consentirne la sanificazione degli ambienti. Il 60enne, originario della provincia di Agrigento, era dipendente di Poste Italiane dal 1980 e a febbraio aveva tagliato il traguardo dei quarant’anni di servizio. Era padre di due figli.

Oltre a lui lunedì un altro dipendente di Poste Italiane è stato ucciso dal coronavirus: si tratta di Roberto Rossi, 64 anni, sportellista  all’ufficio postale di San Colombano al Lambro, fra le province di Lodi e di Pavia. Era un volontario: si era offerto lui di tornare a lavorare perché sentiva di dover adempiere al dovere di garantire il servizio ai tanti anziani e pensionati che continuavano a frequentare le Poste, non sempre con motivi di vera urgenza. Roberto è deceduto la sera del 23 marzo: anche lui aveva contratto il coronavirus al lavoro, malgrado avesse indossato mascherina e guanti protettivi.

I due postini morti lunedì si sommano agli altri due deceduti le scorse settimane: erano impiegati uno in un centro di recapito e l’altro in un ufficio postale di due Comuni della provincia di Bergamo. Per garantire condizioni migliori di sicurezza, Poste Italiane ha installato in tutti gli uffici non attrezzati dei pannelli in plexiglass che garantiscono una separazione netta tra l’operatore e il cliente. Adesso, dei 12 mila uffici presenti in tutta Italia, sono operativi diecimila a giorni alterni. Non tutti i dipendenti tuttavia si sentono al sicuro: in molti continuano a segnalare l’impossibilità di rispettare il distanziamento di almeno un metro dai clienti e dagli altri dipendenti al lavoro negli uffici.

 

Articolo PrecedenteCoronavirus Campania, De Luca scrive a Conte: “A un passo dalla tragedia, conteremo i morti”
Prossimo ArticoloCoronavirus Roma, dipendenti casa di cura positivi scappano dalla quarantena: denunciati
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.