Coronavirus. Il premier britannico è risultato positivo al test del Coronavirus. La conferma è arrivata direttamente dal suo profilo Twitter. Ha sintomi lievi e si è messo in isolamento. Conservatore, Boris Johnson ha 55 anni ed è a capo del governo della Regina Elisabetta dal luglio del 2019.

Il premier britannico Boris Johnson è risultato positivo al test del Coronavirus. La conferma è arrivata direttamente dal suo profilo Twitter. “Nelle ultime 24 ore ho sviluppato sintomi lievi e sono risultato positivo al coronavirus. Ora sono in quarantena, ma continuerò a guidare il nostro governo tramite videoconferenza mentre combattiamo il Covid-19. Insieme lo batteremo. #StayHomeSaveLives” ha scritto sul social media.

Giorni fa il leader conservatore, che ha 55 anni ed è a capo del governo britannico dal luglio del 2019, aveva fatto discutere per aver sottovalutato l’emergenza salvo poi effettuare un vero e proprio dietrofront mettendo in lockdown il Regno Unito. “Che il Paese si prepari a perdere persone care prematuramente”, aveva detto, spingendo verso una serie di misure ben diverse da quelle messe in atto – in quel momento – in Italia, Cina e Spagna, che prevedevano forti restrizioni ai movimento e un rigido isolamento sociale. Dopo aver puntato sull’”immunità di gregge”, il premier inglese ha però cambiato nettamente idea: “Non credo — aveva aggiunto — che ci sia mai stato nulla di simile in tempo di pace”.

Boris Johnson trascorrerà il periodo di isolamento a Downing Street. “È stato sottoposto a tampone per il coronavirus su consiglio personale del capo medico inglese, il professor Chris Whitty”, ha affermato una nota. Tutti i i membri del governo inglese saranno ora costretti ad osservare il periodo di quarantena, oltre che sottoporsi al tampone. In Regno Unito il Coronavirus ha colpito anche la Famiglia Reale: positivo è risultato il Principe Carlo.

Sarà Michael Gove, ministro dell’Ufficio di Gabinetto e del Ducato di Lancaster, a rimpiazzare temporaneamente Johnson nelle conferenze stampa quotidiane del governo britannico sull’emergenze coronavirus. Lo sottolinea Downing Street.