Coronavirus: il dramma di Jessica, mamma di due figli morta a 43 anni

0
Coronavirus: il dramma di Jessica, mamma di due figli morta a 43 anni

Coronavirus. Jessica Barcella, 43enne di Pedrengo, in provincia di Bergamo, è una delle migliaia di vittime causate dal Coronavirus. Jessica era sposata e aveva due figli di 13 e 16 anni: ha iniziato a stare male lo scorso 29 febbraio, ma è stata sottoposta al tampone per il Covid-19 solo quando le sue condizioni di salute si sono aggravate.

Ognuna tra le migliaia di vittime del Coronavirus ha un nome e un cognome e una storia alle spalle. Non lo smetteremo mai di ricordare: dietro la triste conta delle vittime, che è un dovere da parte di chi fa informazione, non ci sono numeri, ma persone. E non si tratta solo di persone anziane o con pregresse patologie (come se la cosa poi potesse essere una sorta di sollievo), ma anche di giovani o adulti nel pieno della loro esistenza. Tra coloro che hanno perso la vita a causa del Codiv-19 c’è anche Jessica Barcella, 43enne di Pedrengo, comune di circa 600o abitanti in provincia di Bergamo.

Jessica lascia il marito e due figli di 13 e 16 anni
La Bergamasca è ormai da giorni la provincia più colpita dal Coronavirus: i casi erano arrivati ieri a 5869, i decessi sono centinaia, così tanti che le camere mortuarie degli ospedali sono sature, il cimitero e il forno crematorio di Bergamo non riescono a gestire il grande numero di salme e da giorni l’esercito trasporta le bare dei defunti in altre città. In questa enorme tragedia il quotidiano locale “L’Eco di Bergamo” ha raccontato la storia di Jessica, giovane madre di due figli di 13 e 16 anni. È stato proprio il figlio più piccolo, lo scorso 10 marzo, ad accorgersi che qualcosa non andava. La madre non si svegliava. Immediata la chiamata all’ambulanza, il trasporto d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo dove le viene diagnosticata una forma aggressiva di polmonite e le viene fatto il tampone per il Covid-19, risultato positivo. Jessica purtroppo non ce l’ha fatta: nonostante il ricovero e le cure, è deceduta giovedì 19 marzo.

La sorella di Jessica: Non uscite o moriremo tutti
La sua storia è anche quella di tante persone che, soprattutto nella provincia di Bergamo, stanno affrontando in questi giorni la malattia. Jessica aveva infatti iniziato a stare male già sabato 29 febbraio, per quella che all’inizio era sembrata un’influenza. Martedì, a seguito di un peggioramento delle sue condizioni, il marito l’aveva accompagnata all’ospedale di Seriate dove le lastre avevano rivelato la presenza di una “Polmonite con versamento pleurico sinistro”. Nonostante si sia in un territorio in piena emergenza per Coronavirus, alla donna a quanto pare non era stato fatto il tampone, ma era stata rimandata a casa con una terapia antibiotica. Jessica l’aveva seguita, i risultati erano sembrati incoraggianti fino all’improvviso aggravamento del 10 marzo, quando la situazione è precipitata in un baratro purtroppo per lei senza fondo. “Non ha mai avuto un’influenza nella sua vita, eppure si è ammalata ed è morta”, è la drammatica testimonianza resa dalla sorella all’Eco di Bergamo: “L’aspetto più straziante sta anche nel non poter vivere il lutto – ha aggiunto la sorella della vittima -. A me dà fastidio vedere la gente che balla e canta sui balconi, semmai si preghi. Bisogna chiudere tutto. Non uscite o moriremo tutti”.

 

Articolo PrecedenteCoronavirus, la diretta: Conte ha firmato decreto restrizioni
Prossimo ArticoloCoronavirus, il momento di aiutare anche i piccoli ospedali: parte raccolta fondi per l’emergenza
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.