Coronavirus, famiglia bloccata in Marocco: “Voli cancellati, mia moglie è incinta, abbiamo paura”

0
Coronavirus, famiglia bloccata in Marocco

Coronavirus. Una famiglia di Campolongo, in provincia di Venezia, è rimasta bloccata in Marocco e tutti i voli per l’Italia sono stati cancellati. La donna è in gravidanza di cinque mesi. Nessuna risposta da parte dell’Ambasciata e neanche da parte del primo cittadino di Campolongo. “Hanno bloccati i voli di rientro per l’Italia dal 9 marzo ben due volte – dice in un’intervista telefonica Massimo Compagno, l’italiano bloccato in Marocco – con l’unica risposta dell’aeroporto che se ne parla dopo il 9 aprile e anche con i traghetti”. “Siamo preoccupati – dice la famiglia – perché qui in Marocco non ci fidiamo delle strutture ospedaliere e preferiamo tornare al più presto in Italia.”Stiamo esaurendo anche i soldi nel conto corrente.

“Hanno cancellato tutti i voli”

La famiglia Compagno doveva rientrare in Italia il 9 marzo per Venezia ma il volo è stato cancellato.”Siamo venuti con mia moglie in Marocco per stare insieme ai miei suoceri 25 giorni e dovevamo rientrare a Venezia il 9 marzo ma hanno cancellato il volo – aggiunge l’uomo – successivamente abbiamo prenotato per Bologna ma anche questo è stato cancellato. “L’unica risposta che ci hanno dato in aeroporto è che la prima data utile per ripartire sarebbe il 9 aprile, ma mia moglie aveva una visita prenotata e siamo preoccupati”.

Ambasciata e Consolato, nessuna risposta

In preda al panico e preoccupati della loro situazione, la famiglia cerca di contattare più volte la Farnesina, l’Ambasciata e il Consolato senza ottenere risposte, nonostante sia registrato nella piattaforma del sito della Farnesina.”Ho fatto tutto quello che dovevo fare – dice l’uomo – ho mandato una mail al sindaco di Campolongo e mi ha risposto solamente di contattare la Farnesina, e io ho contattato tutti ma nessuno mi ha saputo dare risposte utili. Continua – “Nessuno ci contatta e nessuno ci dice niente”

“Vogliamo rientrare, non ci fidiamo”

L’appello della famiglia Compagno è forte e chiaro, vogliono rientrare in Italia al più presto perché la moglie è in gravidanza, e se dovessero esserci complicanze di salute, le strutture ospedaliere in Marocco non sono affidabili.”Non siamo in pericolo, siamo un po’ in ansia perché se arriva in Marocco il Coronavirus siamo messi male come ospedali e come strutture e quindi preferivo essere in Italia al più presto – aggiunge la famiglia – noi siamo a Echemmaia e chiediamo che qualcuno ci contatti perché noi vogliamo tornare a casa. Continua – “Non è piacevole essere in giro per il mondo e non avere nessun supporto, anche se fossi messo sulla strada, in ogni caso, nessuno mi avrebbe dato retta e non è una bella cosa questa”. Conclude la famiglia – Abbiamo paura, fateci rientrare”.

 

Articolo PrecedenteCoronavirus Roma, da una settimana in attesa del tampone: “Ho avuto febbre e difficoltà respirare”
Prossimo ArticoloScomparso il 16enne Luca Loddo, la madre: “Non ha nessuna protezione dal contagio”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.