Coronavirus. Si toglie la mascherina e sputa di nascosta sulla frutta al supermercato, poi pubblica in Rete il video con la scritta “Infettiamo”. Denunciato un venticinquenne casertano per procurato allarme ed inosservanza ai provvedimenti dell’autorità. Il video segnalato alle forze dell’ordine da tantissimi utenti indignati e preoccupati per il gesto del giovane.

Sputa di nascosto sulla frutta al supermercato, pubblicando anche il video in Rete con la scritta: “Infettiamo”. Uno scherzo davvero di pessimo gusto quello accaduto nel Casertano, che si è concluso con una denuncia per l’autore, rintracciato in poche ore dagli agenti della Polizia di Stato della Questura di Caserta, e dovrà ora rispondere dalle accuse di procurato allarme ed inosservanza ai provvedimenti dell’autorità.

Tutto è avvenuto, quando il video è arrivato con diverse segnalazioni alle forze dell’ordine: nelle immagini, il giovane assieme ad un altro ragazzo raggiunge un supermercato e qui, togliendosi la mascherina, sputava di nascosto sulla frutta esposta, con la scritta che appariva sul video che recitava “infettiamo”. E così partendo proprio dal video, la polizia è risalita in breve tempo a F.S., venticinquenne casertano, che ora è stato denunciato per  i reati di procurato allarme e inosservanza ai provvedimenti dell’autorità. Raggiunto nella propria abitazione e portato in Questura, dove gli è stata verbalizzata la denuncia, per lui è scattato anche il sequestro del cellulare. Tantissimi intanto i commenti indignati sui social alla vista delle immagini del giovane che sputa di nascosto sulla frutta del supermercato. L’imbecillità sta raggiungendo limiti mai neanche pensati prima, il cattivo utilizzo dei social e la mania di voler essere protagonisti sta aiutando in tal senso”, ha commentato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, “l’idiota che compie questo gesto, che vediamo nel video, sputa sulla frutta con il sorriso stampato sul volto, crede forse di essere divertente invece è un incosciente ed un criminale, in un momento come questo cospargere saliva e liquidi corporei è estremamente pericoloso, farlo volontariamente equivale ad attentare alla vita altrui”.