Coronavirus, ad Ancona sequestrati dispositivi per ventilazione che stavano per andare all’estero

0
Coronavirus, ad Ancona sequestrati dispositiv

Coronavirus. Bloccata una spedizione di 1.840 circuiti respiratori che stavano lasciando l’Italia. I dispositivi sono stati sequestrati al porto di Ancona mentre, in violazione alle recenti normative relative all’emergenza Coronavirus, stavano per essere imbarcati in direzione Grecia.

Un carico di dispostivi fondamentali per gestire l’emergenza sanitaria da Coronavirus sono stati sequestrati nel porto di Ancona dalla guardia di Finanza locale e dai funzionari dell’agenzia doganali. Stavano per essere imbarcati in direzione Grecia, in violazione delle recenti normative. Le apparecchiature sono indispensabili per collegare i respiratori ai pazienti adulti e bambini. Il carico sarà consegnato alla protezione civile, che lo destinerà agli ospedali italiani. Il rappresentante legale della società, con sede a Milano, è stato denunciato. Rischia 206 ero di ammenda e l’arresto fino a tre mesi.

L’operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Ancona in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e Monopoli nell’ambito di uno specifico piano di controlli finalizzato al rispetto dell’ordinanza della protezione civile sull’emergenza Covid-19 nel nostro Paese che vieta alle imprese di cedere all’estero determinati dispositivi medici durante il periodo di crisi. Nello specifico si tratta di 1.840 circuiti respiratori (tubo, pallone, valvola e maschera respiratoria) da utilizzare per i pazienti in condizioni critiche.

“L’attività – spiega il comandante della Compagnia di Ancona, Francesca Campanaro – rientra in un piano di controlli predisposto dall’Agenzia delle Dogane e Monopoli sul rispetto dell’ordinanza del Dipartimento di Protezione civile che fa divieto alle imprese di cedere all’estero determinati dispositivi medici tra i quali, in particolare, quelli di ventilazione utilizzati in terapia intensiva”.

 

Articolo PrecedenteCoronavirus: da oggi stop impianti benzina
Prossimo ArticoloPadova, massacrata dal marito in quarantena: si salva grazie all’intervento dei vicini
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.