Coronavirus, 7 positivi a Portici tutti della stessa famiglia. Sono stati riscontrati sette nuovi casi di Coronavirus a Portici, cittadina della provincia di Napoli: lo ha reso noto il sindaco, Enzo Cuomo. Come ha riferito il primo cittadino, si tratta di persone appartenenti a tre nuclei famigliari, riconducibili però ad un’unica famiglia; tra i positivi, ci sono anche due bambini.

Ci sono sette casi di Coronavirus a Portici, cittadina della provincia di Napoli: lo ha comunicato, nel corso di una diretta su Facebook fatta apposta per l’occasione, il sindaco Enzo Cuomo. Il primo cittadino rende noto che i sette contagiati appartengono a tre nuclei famigliari afferenti però tutti alla stessa famiglia: tra i contagiati, ci sono anche due bambini. ” A Portici, abbiamo riscontrato nuovi 7 contagi, articolati in 3 nuclei familiari tutti e tre collegati in un unico ceppo familiare. Ciò significa che non c’è un focolaio. È molto facile che questi contagi siano avvenuti attraverso contatti diretti tra le stesse persone della famiglia” ha dichiarato nel corso della diretta Facebook il sindaco Cuomo. Nessuno dei sette contagiati è in gravi condizioni, sono tutti in isolamento domiciliare: la buona notizia è che i tamponi effettuati sui contatti stretti dei contagiati hanno dato esito negativo. Il primo cittadino di Portici ha invitato ancora una volta tutti a rispettare le regole, dal momento che, come dimostrano i nuovi sette casi, il Coronavirus è ancora presente.

Qualche settimana fa, a Portici erano risultati positivi al Coronavirus anche due coniugi, ricoverati entrambi all’ospedale Cotugno. A comunicarlo, come hanno fatto tantissimi amministratori durante questa emergenza sanitaria, era stato ancora una volta il sindaco Enzo Cuomo: “Stamattina ho avuto notizia ufficiale che 2 cittadini conviventi nella stessa abitazione e residenti a Portici sono stati ricoverati all’ospedale Cotugno perché entrambi positivi al tampone. Uno dei due avrebbe mostrato sintomi Covid mentre l’altra persona convivente è stata comunque ricoverata sebbene asintomatica”.