Corea del Nord, portare i jeans attillati è punibile con la pena di morte: le norme contro l’Occidente

0
Corea del Nord, portare i jeans attillati è punibile con la pena di morte.

Corea del Nord, portare i jeans attillati è punibile con la pena di morte. La Corea del Nord prepara nuove strette contro lo stile di vita occidentale: indossare i jeans attillati può essere punito con la pena di morte e cambiare taglio di capelli può portare a 15 anni di reclusione in un campo di rieducazione. Kim Jong-un ha annunciato di voler approvare leggi più severe contro il “pensiero reazionario”

Indossare i jeans attillati in Corea del Nord potrebbe portare alla pena di morte. Il provvedimento fa parte di una serie di nuove disposizioni di legge contro il “pensiero reazionario”. Kim Jong-un vuole infatti allontanare la cittadinanza dalle usanze occidentali come abiti, film e slang stranieri non di uso comune nella lingua nazionale. Un taglio di capelli diverso dai 15 già autorizzati può portare all’arresto. Anche ascoltare la musica pop sud-coreana, diventata famosa in tutto il mondo, è punibile con pene severissime. Secondo il regime di Pyongyang la norma punta a “proteggere i giovani dal vento giallo del capitalismo” imponendo di fatto come unico lo stile di vita nord-coreano.

Il dittatore ha inviato una lunga lettera alla Lega della gioventù nord-coreana preannunciando le nuove strette. Chiunque verrà sorpreso con quantità di materiale multimediale della Corea del Sud, degli Stati Uniti o del Giappone rischia una condanna fino alla pena di morte. Il minimo previsto dalla legge sarà di 15 anni di reclusione in un campo di internamento. La stampa sudcoreana riferisce a tal proposito la storia di alcuni adolescenti inviati in un campo di rieducazione per essersi tagliati i capelli come alcuni cantanti di una band K-pop. La notizia non è verificabile in modo indipendente: potrebbe quindi essere parte della propaganda del regime per incutere timore nei cittadini.

La repressione non si ferma ai soli trasgressori: se un lavoratore viene arrestato, può essere punito anche il direttore della fabbrica in cui risulta impiegato. Se un ragazzino viene considerato “problematico”, anche i genitori possono essere processati. La crisi causata dalla pandemia potrebbe rendere i media stranieri un veicolo per un nuovo senso di “resistenza” nella popolazione. Nel paese asiatico è in vigore da tempo il blocco di Internet e non sono autorizzati i social media. Con lo scoppio della pandemia, inoltre, le tv di Stato hanno sempre sostenuto che nella nazione non siano stati registrati decessi dovuti al Covid-19. L’arrivo di informazioni dall’estero potrebbero piegare questa narrazione e Kim Jong-un cerca di agire proprio su questo fronte.

 

Articolo PrecedenteBomba d’acqua a Roma: allagato un asilo, intrappolati 40 bambini e 6 adulti
Prossimo ArticoloGIORNATA MONDIALE DEGLI OCEANI, SMARTIES SOSTIENE IL PROGETTO “DELFINI METROPOLITANI” DELL’ACQUARIO DI GENOVA 09 GIUGNO 2021
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.