Coniugi fatti a pezzi e messi in valigia, per l’accusa Elona voleva nascondere la gravidanza

0
Coniugi fatti a pezzi e messi in valigia, per l’accusa Elona voleva nascondere la gravidanza.

Coniugi fatti a pezzi e messi in valigia, per l’accusa Elona voleva nascondere la gravidanza. Nuove agghiaccianti rivelazioni a carico di Elona Kalesha, la 36enne accusata di aver ucciso i suoceri, ritrovati senza vita, fatti a pezzi e abbandonati in una valigia a Sollicciano. Per l’accusa la donna voleva impedire che la coppia rivelasse al figlio in carcere che lei aspettava un bambino da un altro uomo.

Avrebbe ucciso barbaramente entrambi i suoceri per impedire che la coppia rivelasse al figlio in carcere che lei aspettava un bambino da un altro uomo, sarebbe questo, secondo l’accusa, il movente dietro l’efferato delitto dei coniugi Shpetim e Teuta Pasho, fatti a pezzi e rinvenuti smembrati all’interno di quattro valigie abbandonate nei campi intorno al carcere di Sollicciano, a Firenze, e per la cui morte è accusata Elona Kalesha, la 36enne di origine albanese detenuta a Firenze dal dicembre scorso. In base alle indagini effettuate dai carabinieri e coordinate dalla pm Ornella Galeotti la donna avrebbe abortito in ospedale a Firenze nell’ottobre del 2015, pochi giorni prima della scomparsa dei Pasho, avvenuta il 1 novembre, e della scarcerazione dell’ex fidanzato Taulant Pasho, detenuto nel carcere di Sollicciano fino al 2 novembre dello stesso anno.

Il compagino non sapeva della gravidanza

La nuove agghiaccianti rivelazioni sulla donna sono emerse oggi durante l’udienza davanti al Tribunale del riesame di Firenze dove si discuteva dell’istanza di scarcerazione presentata dai legali della 36enne. Durante l’avvio di seduta infatti la pm Ornella Galeotti ha depositato nuovi documenti che proverebbero la falsità di alcune dichiarazioni della 36enne. Negli atti del processo tra le altre cose è finito l’interrogatorio di Taulant Pasho che alla pm avrebbe detto di non avere mai saputo della gravidanza della 36enne, negando di poter essere il padre del piccolo, essendo lui detenuto. Nel fascicolo dell’inchiesta anche le dichiarazioni di alcuni familiari di Teuta Pasho che avrebbero riferito agli investigatori che pochi giorni prima di scomparire la donna aveva manifestato la volontà di parlare col figlio di una cosa che riguardava Elona, e che lui avrebbe dovuto scegliere tra la sua famiglia e la fidanzata.

Coniugi fatti a pezzi e messi in valigia, per l’accusa Elona voleva nascondere la gravidanza.

La richiesta di scarcerazione per Elona: “Non c’è il suo dna sulle valige”

Alla luce dei nuovi documenti presentati i Tribunale, l’udienza è stata quindi rinviata al 20 settembre prossimo su richiesta degli stessi  difensori di Elona Kalesha per visionare i nuovi documenti dell’accusa. Al riesame la difesa ha chiesto di nuovo la scarcerazione della donna, dopo il primo dei giudici ai domiciliari , sottolineando che  sulle maniglie delle valigie con i resti della coppia non è stato rilevato il Dna della loro assistita. “L’assoluta incertezza sul fatto che Elona Kalesha abbia maneggiato” le valigie, “disarticola il principale elemento indiziario” a carico della donna, secondo i suoi legali per i quali no esiste nemmeno il pericolo di reiterazione del reato .

Articolo PrecedentePuma trascina via il figlio di 5 anni, mamma coraggio lo prende a pugni e lo mette in fuga
Prossimo ArticoloIncendio a Milano, rebus sulle cause: l’elettricità dell’appartamento al 15esimo piano era staccata
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.