Con riaperture al 12 maggio (e non al 26 aprile) i morti Covid giornalieri potevano essere la metà

0
Con riaperture al 12 maggio (e non al 26 aprile) i morti Covid giornalieri potevano essere la metà.

Con riaperture al 12 maggio (e non al 26 aprile) i morti Covid giornalieri potevano essere la metà. Se il governo avesse riaperto il 12 maggio, invece che il 26 aprile, i morti Covid giornalieri avrebbero potuto essere la metà. Lo afferma lo studio della fondazione Bruno Kessler inviato nei giorni scorsi al Comitato tecnico scientifico, sottolineando i rischi di una ripartenza con un’incidenza di nuovi casi ancora molto alta e cosa avrebbe voluto dire allentare le misure restrittive con un numero di casi ben inferiore.

Se il governo avesse rimandato di qualche settimana le riaperture i morti giornalieri avrebbero potuto essere la metà. È questo l’avvertimento di uno studio della fondazione Bruno Kessler, presentato qualche giorno fa al Comitato tecnico scientifico e mai pubblicato dal governo. Nell’indagine, condotta dal matematico Stefano Merler, si sottolinea che con una ripartenza al 12 maggio l’allentamento delle misure restrittive sarebbe andato a coincidere con un numero di contagi giornalieri ben al di sotto di quello attuale. Il che avrebbe significato riaprire con la metà dei decessi giornalieri che contiamo al momento.

Secondo l’ultimo monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità l’incidenza settimanale ogni 100 mila abitanti, dal 12 al 18 aprile, è pari a 157,74 casi. Secondo il ministero della Salute il sistema sanitario inizia a mostrare i primi segni di criticità nel momento in cui si superano i 50 casi ogni 100 mila abitanti in sette giorni. Oltre questa soglia diventa difficile tenere sotto controllo la diffusione del virtus. Mantenendo le misure restrittive, in due settimane il valore dell’incidenza sarebbe potuto scendere ulteriormente e si sarebbe potuto riaprire con un numero di contagi e di casi attivi nettamente inferiore. A cui, ovviamente, sarebbero corrisposti meno decessi.

Riaprire con un’incidenza ancora molto elevata, chiaramente, porta con sé il rischio di una nuova e rapida impennata della curva dei contagi. Lo studio tiene comunque conto dell’impatto della campagna vaccinale sull’epidemia, che per prima cosa ha ridotto il tasso di letalità del virus, proteggendo le categorie più a rischio.

Insomma, secondo l’indagine trasmessa al Cts “riaperture precoci, entro aprile”, anche con un miglioramento dell’epidemia con un Rt pari a 1 (secondo gli ultimi dati dell’Iss al momento l’indice è fermo allo 0,8), potrebbero portare a un “costante, ma alto numero di morti giornaliere”. Un numero che invece potrebbe essere “estremamente ridotto con riaperture a valle di un marcato calo dell’incidenza”.

Articolo PrecedenteA Catania condannati per mafia e i loro parenti percepivano il reddito di cittadinanza: 76 denunce
Prossimo ArticoloCaso Grillo, “video dello stupro gira come un trofeo”: la denuncia shock dei genitori della ragazza
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.