Como, l’assassino di don Roberto Malgesini confessa l’omicidio: “Temevo mi volessero rimpatriare”

0
Como, l’assassino di don Roberto Malgesini confessa l’omicidio.

Como, l’assassino di don Roberto Malgesini confessa l’omicidio. L’assassino di don Roberto Malgesini ha ammesso al procuratore di Como di aver commesso l’omicidio. Come unico movente – come spiegato dalla Procura – il “convincimento di essere una vittima di un complotto che ne avrebbe determinato il rimpatrio in Tunisia”. Il cittadino, un senzatetto con problemi psichici, è stato trasferito in carcere.

L’assassino di don Roberto Malgesini, ucciso nella mattinata di oggi – martedì 15 settembre – a Como, ha confessato l’omicidio. A rivelarlo è stato il procuratore della Repubblica di Como Nicola Piacente, che in una nota ufficiale ha scritto che l’individuo “ha ammesso le proprie responsabilità in ordine all’omidicio e ne ha descritto dinamica e movente”.

Il procuratore: Pensava di essere vittima di un complotto

In merito alle motivazioni che l’omicida, un senzatetto con problemi psichici, avrebbe avuto, è emerso che il movente è “esclusivamente riconducibile al convincimento di essere una vittima di un complotto che ne avrebbe determinato il rimpatrio in Tunisia”. Il procuratore di Como ha poi aggiunto che “non sono emersi allo stato coinvolgimenti dell’indagato in percorsi di radicalizzazione”. Per questo motivo, continua la note, “sulla base degli elementi acquisiti, la Procura provvederà nelle prossime ore a formalizzare una richiesta di convalida dell’arresto per omicidio volontario”. Nel frattempo il cittadino tunisino arrestato è stato trasferito in carcere.

Chi era don Roberto Malgesini, il prete degli ultimi
Il sacerdote scomparso stamattina era un cosiddetto “prete di strada”. Da anni era impegnato ad aiutare i senzatetto e i migranti che passavano per le vie di Como. A loro forniva la colazione e faceva in modo di assicurargli le cure e i beni di prima necessità. Si occupava di tutto: dalla mensa al dormitorio comunale. Il teatro del suo assassinio è da tempo al centro di diverse polemiche politiche a causa della folta presenza di individui senza fissa dimora e di stranieri. Di don Roberto, la Caritas ha detto che “era un prete dedito alla solidarietà: se c’era bisogno di portare qualcuno dal medico lo caricava in auto e senza pensarci due volte lo accompagnava. Un anima generosa, non solo per vocazione religiosa, ma soprattutto per quella umana. Aiutare gli altri è il precetto su cui aveva basato la sua intera vita”.

Articolo PrecedenteOmicidio Willy, l’accoglienza infernale ai fratelli Bianchi in carcere: sputi e urla dai detenuti di Rebibbia
Prossimo ArticoloClaudia Lai, la compagna di Nainggolan: “Oggi festeggio la mia vittoria contro il cancro”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.