Colpita con 14 coltellate dal convivente, Patrizia: “Viva per miracolo, ce l’ho fatta per i miei figli”

0

“Ce l’ho fatta per i miei figli. Non pensavo ci sarei riuscita, ma sono ancora qui a lottare per loro”. Così Patrizia, la donna accoltellata con 14 fendenti dal compagno, racconta cosa l’ha tenuta attaccata alla vita mentre la operavano per le ferite. Mentre l’ex compagno è rinchiuso in carcere lei dice: “Non lo perdonerò mai”.

Lui è in carcere per omicidio, lei in ospedale ricoverata nel reparto di chirurgia toracica con i segni di 14 profonde coltellate, ma il peggio dicono i medici, è passato. Patrizia, infatti, è ancora viva e a sentirla lo è grazie ai suoi figli, come racconta su Repubblica. “Ce l’ho fatta per i miei figli. Non pensavo ci sarei riuscita, ma sono ancora qui a lottare per loro”.

Patrizia, ricoverata al San Giovanni Bosco in fin di vita, è stata aggredita con trenta coltellate, di cui 14 potenzialmente letali, dal convivente che l’accusava di un presunto tradimento. “Non c’è stato alcun tradimento – precisa Elena, amica della vittima – Lei, stufa di stare al fianco di una persona manesca, voleva lasciarlo. Non l’ha mai tradito. Anzi. Per 23 anni è stata al suo fianco e ha mantenuto sia lui che tutta la famiglia”. L’episodio, come lascia intendere l’amica, è stato tutt’altro che un fulmine a ciel sereno, tanto che anche il figlio maggiore della coppia ha ammesso che temevano sarebbe finita così. “Ci vorrà tempo prima che mamma guarisca – dice  – più per le cicatrici che le rimarranno nell’animo che per le coltellate che mio padre le ha dato”.

Nei prossimi giorni si discuterà la convalida del fermo del compagno di Patrizia, assistito dall’avvocato Matteo Massaia e ora ristretto al carcere Lorusso e Cutugno di Torino. L’episodio, aggrava l’agghiacciante bilancio degli ultimi giorni nell’ambito dei crimini di genere. Lo scorso otto marzo, giornata dedicata alla festa delle donne, è stato infatti occasione di riflessione sulle dinamiche violente tra uomo e donna.

 

Articolo PrecedenteLa bufala degli 80 neonati morti in un ospedale venezuelano per colpa dei blackout
Prossimo ArticoloRoma, regista arrestato per abusi su 5 aspiranti attrici: simulava scene di stupro, 3 erano minori
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.