Abusata da un gruppo di soldati. Una bambina di 12 anni è stata rapita e stuprata un gruppo di sette soldati inviati in appoggio all’unità di stanza a Santa Cecilia, in Colombia. La denuncia dall’Organizzazione nazionale indigena della Colombia (Onic): “I soldati sono diventati un fattore di rischio, invece che di garanzia e sicurezza per le popolazioni e comunità locali”.

Sette soldati hanno tenuto sequestrata e stuprato in gruppo una bambina di dodici anni rapita dalla comunità che erano chiamati a proteggere. È accaduto in una zona rurale del dipartimento di Risaralda, la vittima è una bimba indigena dell’etnia embera-katío sequestrata il 22 giugno. I sette militari, di cui sei attori dello stupro e il settimo spettatore, hanno ammesso le proprie responsabilità e sono stati incarcerati su ordine del procuratore generale Francisco Barbosa, che ha contestato loro il reato di “abuso carnale aggravato su una minore di 14 anni”.

I fatti sono stati denunciati dall’Organizzazione nazionale indigena della Colombia (Onic), secondo la quale la presenza dei militari sul posto è diventata un “fattore di rischio, invece che di garanzia e sicurezza per le popolazioni e comunità indigene”. Il crimine, infatti, secondo l’organizzazione che difende i diritti dei nativi, e si aggiungerebbe a una “lunga lista di atti atroci” da parte dei militari.

Il presidente della Repubblica, Iván Duque è intervenuto assicurando che sarà: “implacabile nelle indagini, come nelle pene”. “La notizia mi ripugna come procuratore generale, come colombiano, come padre di famiglia e come uomo”, ha commentato Barbosa, aggiungendo che è “un giorno triste per quello che è successo, ma è anche un giorno importante per l’efficacia della giustizia” perché in sole 72 ore “questi banditi sono stati posti dietro le sbarre”. I sette soldati coinvolti appartengono al battaglione di alta montagna dell’esercito di stanza a Génova, nel dipartimento di Quindío. Erano stati inviati a supporto diun altro gruppo di militari dispiegati nella zona rurale di Santa Cecilia, vicino a Pueblo Rico, municipio del dipartimento di Risaralda.