Cimiteri al collasso, il calvario di Lorella: “Mio marito in un deposito da mesi, dolore infinito”

0
Cimiteri al collasso, il calvario di Lorella. Il marito di Lorella è morto più di due mesi fa, l’11 febbraio.

Cimiteri al collasso, il calvario di Lorella. Il marito di Lorella è morto più di due mesi fa, l’11 febbraio. L’attesa per la cremazione è infinita: e così, oltre al dolore per la perdita dell’amore della sua vita, Lorella deve affrontare anche questo calvario. “Sta in in una bara senza copertura, di quelle per le cremazioni, ma dopo due mesi in che stato sarà, io più ci penso e più sto male”.

“Mi hanno detto ‘signora suo marito è in un magazzino‘. Sta in in una bara senza copertura, di quelle per le cremazioni, ma dopo due mesi in che stato sarà, io più ci penso e più sto male. Non è giusto nei miei confronti, in quelli di mio marito e di tutti i nostri familiari”. È straziante la storia di Lorella, una storia che purtroppo è uguale a quella di centinaia di persone che da mesi aspettano la cremazione dei loro cari. Amici, mogli, mariti, figli, nonni, nipoti, fidanzati: tutti che aspettano che questo calvario finisca e possano cominciare nuovamente a vivere. Ma a Roma la situazione delle cremazioni è a un livello mai visto prima: sono 2mila le bare stipate nei depositi. Un disservizio questo, che va avanti da quattro mesi e che adesso ha raggiunto il suo apice, con l’attività di tumulazione che ha subito un brusco arresto. Lorella oggi ha partecipato, insieme a tanti altri cittadini, alla protesta degli operatori delle pompe funebri davanti al Campidoglio. Chiede come tutti di porre fine a questo calvario, sollecita un intervento di Ama e del Comune di Roma (che continuano a rimpallarsi responsabilità) e soprattutto vuole una cosa: che al corpo di suo marito sia mostrato rispetto.

Oltre 2mila le salme in attesa di cremazione
Il marito di Lorella è morto da più di due mesi, l’11 febbraio. Una perdita straziante, con cui la donna ha dovuto fare i conti. Non pensava che però, oltre a questo, avrebbe dovuto fare i conti con una burocrazia lenta e con i disservizi della città di Roma. “All’inizio non ho detto nulla perché sapevo che bisognava aspettare per la cremazione. È passato un mese, poi due. Alla fine ho chiamato il Comune di Roma, mi hanno detto che era in un deposito. Io non so più niente, so solo che rivoglio mio marito. Siamo in centinaia nella stessa situazione e non è giusto, non dopo il dolore che già proviamo per la perdita dei nostri cari”. Davanti il Campidoglio oggi, un carro funebre con una scritta: “Scusateci ma non ci consentono di seppellire i vostri cari”. Una crisi annunciata secondo Natale Di Cola, segretario della Cgil di Roma e Lazio: personale allo stremo, con “carichi di lavoro disumani”, mancanza di assunzioni, e la disattenzione dell’amministrazione capitolina verso l’imminente chiusura del cimitero Laurentino, dove si sapeva che stavano finendo gli spazi disponibili. Le famiglie continuano ad aspettare, i morti pure. Ma forse quest’ulteriore sofferenza poteva essere risparmiata loro.

Articolo PrecedenteAnziano morto da due settimane in casa: viveva con i fratelli che si erano dimenticati di lui
Prossimo ArticoloSi è sciolto l’iceberg più grande del mondo: A68 non esiste più, era diventato una “star” del web
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.