Chiesto il trasferimento in Italia di Chico Forti: era stato condannato all’ergastolo negli USA

0
Chiesto il trasferimento in Italia di Chico Forti

Chiesto il trasferimento. L’ambasciatore italiano a Washington, Armando Varricchio, è stato incaricato dal Ministero degli Esteri di mettersi in contatto con il governatore della Florida, Ron De Santis, per ottenere l’approvazione al trasferimento di Chico Forti in Italia. L’uomo è stato condannato all’ergastolo negli USA.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha reso noto di aver incaricato ufficialmente l’ambasciatore italiano a Washington, Armando Varricchio, di mettersi in contatto con il governatore della Florida, Ron De Santis, per ottenere l’approvazione al trasferimento di Chico Forti e avviare immediatamente le pratiche previste. A renderlo noto è Gianni Forti, “zio” di Chico Forti, il trentino detenuto da oltre 20 anni negli Stati Uniti, che in una nota diffusa ieri ha riferito di esser stato ricevuto due giorni fa dalla Farnesina dal ministro e dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro. “Di Maio – ha affermato Gianni Forti – ha annunciato che nei primi giorni di dicembre ha ricevuto al ministero l’avvocato americano di Chico, Joe Tacopina, il quale gli ha presentato ufficialmente la domanda di trasferimento in Italia. Il ministro, pur non precisando i tempi necessari per il completamento della pratica, ha confermato il massimo impegno da parte del governo”.

Enrico Forti, detto Chico, oggi ha 60 anni ed ha trascorso gli ultimi 21 nelle carceri statunitensi dopo essere stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di Dale Pike, ucciso il 28 febbraio 1998 e ritrovato morto 24 ore dopo sulla spiaggia di Sewer Beach. L’italiano si è sempre professato innocente e ha sempre chiesto la riapertura del caso, insistendo sulla debolezza delle prove contro di lui. Forti fu l’ultimo a vedere la vittima, Dale Pike, che sostiene di aver accompagnato in auto dall’aeroporto fino al parcheggio del Rusty Pelican, dove lo avrebbe lasciato in compagnia di un altro uomo mai identificato. Pike si era recato negli States ospite di Forti, con il quale suo padre Tony Pike, patrone del Pike Hotel di Ibiza, stava trattando la vendita del importante hotel, tempio della movida negli anni Ottanta.

Secondo l’accusa proprio questo affare sarebbe stato il movente del delitto, che secondo la Procura di Miami si sarebbe opposto alla vendita della proprietà da parte del padre, affetto da demenza e non in condizioni di trattare lucidamente quel tipo di transazione. Nel mirino dell’accusa finì il rapporto tra Forti e Thomas Knott, pregiudicato per truffa, che insieme a Forti pochi mesi prima dell’omicidio avrebbe comprato un’arma dello stesso calibro di quella che sparò due colpi sulla nuca alla vittima.

 

Articolo PrecedenteCatena di solidarietà tra donatori, trapianti incrociati salvano 4 pazienti in 4 regioni
Prossimo ArticoloOmicidio di Giusy Ventimiglia, il fratello: “Indagini puntano su mio padre: assurdo”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.