Chiara Gualzetti, le bugie del killer alla mamma: “Doveva incontrare un tipo conosciuto in chat”

0
Chiara Gualzetti, le bugie del killer alla mamma.

Chiara Gualzetti, le bugie del killer alla mamma. Avrebbe dovuto incontrare uno conosciuto su Internet Chiara e per questo lui l’avrebbe lasciati lì ai margini del bosco. È solo una delle tante bugie che il killer della 15enne uccisa domenica scorsa, a Monteveglio, nel Bolognese, ha raccontato alla mamma di Chiara. La donna, in un’intervista rilasciata a Corsera, ha raccontato di quei momenti precedenti e successivi al ritrovamento del corpo della figlia e della paura del suo funerale: “A quel punto dovrò accettare che è tutto vero”.

Sono parole piene di dolore e soprattutto incredulità quelle della mamma di Chiara Gualzetti, la ragazza di soli 15 anni uccisa a coltellate e calci da un amico la scorsa domenica a Monteveglio, nel Bolognese. In un’intervista rilasciata a Giusi Fasano su Corsera, Giusi Fortunato, 56 anni, madre della piccola Chiara, racconta di quei momenti precedenti alla scomparsa della figlia, sino al ritrovamento del suo corpo, e alle bugie raccontate dal killer. Subito dopo essersi accorta della scomparsa di Chiara, la madre ha provato a contattare proprio il giovane che era con la figlia e che intanto era tornato a casa: “Mi ha detto che Chiara avrebbe dovuto incontrare uno conosciuto in chat su Internet – spiega la donna – ma io non ci ho mai creduto, sentivo che quelle che mi stava raccontando erano bugie, e così è stato”.

Chiara Gualzetti, l’avvocato dei familiari: “Omicidio premeditato ed efferato”

Quando Chiara non è rientrata a casa domenica mattina, Giusi ha subito pensato al peggio, sua figlia non tardava mai e soprattutto rispondeva sempre ai suoi messaggi su Whatsapp o alle telefonate che lei, da madre apprensiva le faceva spesso: “Sapeva che ero ansiosa e per questo Chiara sapeva di dovermi sempre avvisare quando si spostava o tardava – continua la donna nel suo racconto – mentre quella mattina quando ho visto che il cellulare era spento e che i miei messaggi non le arrivavano, ho capito che qualcosa era successo”. Pochi minuti e la donna scende in strada per cercare la figlia mentre prova a rintracciare sia il marito che il giovane che era con Chiara che intanto era tornato a casa. È la madre ad alzare la cornetta e a dirle: “Mio figlio è qui a casa, non è con tua figlia”.

Chiara Gualzetti, le bugie del killer alla mamma.

A quel punto è Giusi a chiedere al giovane di dirle dove aveva lasciato Chiara che domenica scorsa era uscita per incontrare proprio lui. “Mi ha risposto che si doveva incontrare con uno conosciuto su Internet e mi ha detto anche verso quale sentiero era andata. Bugie. Ma in quel momento non lo potevo sapere. Però non mi era piaciuto niente di quelle parole, di quella voce, di quel racconto. Avevo una sensazione strana…”, così la mamma che intanto continua a battere tutti i sentieri che la figlia avrebbe potuto percorrere, compreso quello indicato dal ragazzo. Ma di Chiara non c’è traccia, il suo corpo verrà ritrovato solo il giorno dopo in un campo ai piedi dell’Abbazia di Monteveglio.

Chiara non mi ha mai raccontato di stranezze di quel ragazzo
Ora saranno le indagini a chiarire se la versione fornita dal ragazzo corrisponda a verità. “Me l’ha ordinato una voce superiore”, avrebbe detto il killer durante la sua confessione, facendo riferimento a Samael, l’angelo del giudizio, con il quale ha detto di parlare da anni. L’omicidio si sarebbe consumato domenica mattina, ai margini del bosco, dove l’assassina aveva dato appuntamento a Chiara. È lui che lui l’ha colpita più volte al collo e al torace con un coltello rubato da casa sua, finché la ragazza non è caduta a terra. “Le ho dato dei calci in testa”, il racconto agghiacciante del giovane assassino. Ma su quelle figure demoniache e le voci, la madre di Chiara preferisce non esprimersi: “Noi ci siamo affidati all’avvocato Giovanni Annunziata e, come dice lui, ci aspettiamo in una condanna giusta”.

Intanto mercoledì si terranno i funerali della 15enne di cui mamma Giusi, ammette, ha paura: “Io ho paura dei funerali, ho paura di realizzare che davvero lei non c’è più – spiega – spesso mi ritrovo a pensare che da un momento all’altro tornerà, mi prenderà un po’ in giro come faceva sempre e si metterà a giocare con il cane. Magari fra poco sento il rumore del cancelletto e la vedo arrivare”.

Chiara Gualzetti, le bugie del killer alla mamma.

 

Articolo PrecedenteVariante Delta, immunità di gregge a rischio. E si riparla di obbligo vaccinale
Prossimo ArticoloInvestite e uccise a San Giuliano Milanese, identificato l’uomo alla guida del mezzo agricolo
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.