Chiara Gualzetti, il killer 16enne: “Avevo già cercato di ammazzarla, ma c’era troppa gente”

0
Chiara Gualzetti, le bugie del killer alla mamma.

Chiara Gualzetti, il killer 16enne: “Avevo già cercato di ammazzarla, ma c’era troppa gente”. Era pronto a colpire Chiara anche prima di domenica. L’assassino della 16enne bolognese, accoltellata a morte domenica, già nei giorni precedenti al delitto avrebbe voluto “farla finita”. Ieri durante la convalida del fermo, davanti al gip del Tribunale dei Minori, il 16enne ha raccontato: “Alcuni giorni prima volevo ucciderla, ma assieme a noi c’erano altri ragazzi e ho dovuto rinviare”.

L’assassino di Chiara Gualzetti, 15enne di Monteveglio, centro del comune di Valsamoggia, Bologna, accoltellata a morte da un suo amico, già nei giorni precedenti al delitto avrebbe voluto “farla finita”. Ieri, come riporta Repubblica, durante la convalida del fermo, davanti al gip del Tribunale dei Minori, ha raccontato: “Alcuni giorni prima volevo ucciderla, ma assieme a noi c’erano altri ragazzi e ho dovuto rinviare”. Il giovane, si legge ancora nel quotidiano, ha confermato la confessione resa lunedì notte ai carabinieri e al pm Simone Purgato. Anche stavolta ha parlato delle ‘figure demoniache’, soprattutto Samael, l’angelo del giudizio con cui “parlo da molto tempo” e che “ho anche visto, un uomo di fuoco”.

Non ha mostrato segni di pentimento
Il gip del tribunale per i minorenni di Bologna, Luigi Martello nell’ordinanza, in possesso dall’Adnkronos con cui ha convalidato il fermo, ha scritto che il 16enne non avrebbe mostrato segni di pentimento: e per questo motivo deve restare in carcere. E questo per “evitare la commissione di reati della stessa indole attesa la mancanza di scrupoli, di freni inibitori, di motivazioni e di segnali di resipiscenza quasi emergono dal tenore dei messaggi vocali inviati ad un’amica subito dopo i fatti”. Il suo modo di agire, di estrema violenza, “rende particolarmente elevata la pericolosità attinente al rischio di reiterazione del reato”.

Il 16enne resta in carcere
Il carcere sarebbe l’unica misura idonea per il 16enne vista “la estrema violenza e la determinazione dimostrate durante tutto il corso dell’aggressione, che ha avuto una durata significativa, ed ha visto il giovane colpire ripetutamente con violenza con coltellate al collo, al petto ed alla gola la vittima ed infine colpirla anche con calci e soprattutto l’incapacità di autocontrollo il che rende particolarmente elevata la pericolosità attinente al rischio di reiterazione del reato”.

Le parole dell’avvocato del ragazzo
Il ragazzino era seguito da uno psicologo, che dopo tre visite aveva consigliato ai genitori di farlo vedere da uno psichiatra. L’avvocato Tanja Fonzari, difensore del 16enne ha spiegato all’Adnkronos: “Adesso possiamo scegliere se fare il Riesame o ricorrere in Cassazione, stiamo valutando. È possibile andare in Cassazione sia per la convalida del fermo che per la misura, oppure è possibile rivolgersi al Riesame solo per la misura”.

Chiara Gualzetti, il killer 16enne: “Avevo già cercato di ammazzarla, ma c’era troppa gente”.

 

Articolo PrecedenteINTERVISTA ESCLUSIVA A DANIELA POBEGA
Prossimo ArticoloLa bimba di 5 mesi soffocata da una busta è uscita dal coma: si valutano lesioni cerebrali
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.