Chi è Salvatore Carfora, il killer di Sonia: “Un violento con precedenti di aggressioni”

0
Chi è Salvatore Carfora, il killer di Sonia: “Un violento con precedenti di aggressioni”.

Chi è Salvatore Carfora, il killer di Sonia: “Un violento con precedenti di aggressioni”. Senza fissa dimora, violento, con precedenti di aggressione che lo avevano portato nell’ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa (Caserta), dove è stato dimesso lo scorso giugno. Questo il profilo di Salvatore Carfora, il 39enne che ieri ha assassinato la 29enne Sonia di Maggio in Salento, dopo averla perseguitata per mesi. Gli amici: “Non avevano avuto neanche una vera relazione”

Si erano conosciuti online, si era frequentati per un po’, per gli amici di Sonia, non era stata neanche una vera storia. Questo, però, non ha impedito a Salvatore Carfora, 39anni, pregiudicato senza fissa dimora, di viaggiare dalla Campania alla Puglia per aggredire in strada Sonia Di Maggio, 29 anni. Stando alle testimonianze, la vittima, che passeggiava con il suo fidanzato in via Pascoli, a Minervino, ha intuito le intenzioni criminali del Carfora e si è parata davanti al fidanzato, Francesco Damiano, per proteggerlo. È stata afferrata per il collo e accoltellata venti volte, finché non è morta dissanguata.

Si era trasferita in Salento per quel nuovo amore, come aveva fatto tempo prima, quando si era trasferita a Napoli, ma Sonia, in realtà, era originaria di Rimini, dove oggi i suoi amici e familiari la piangono. “Carfora – dice l’amico Roberto – non era il suo ex, si conoscevano ma non avevano avuto una storia. È un delitto orribile”. A quanto pare Sonia e Salvatore Carfora si conoscevano il  da 4 anni e negli ultimi tempi lui aveva più volte minacciato sia lei che il nuovo fidanzato, Francesco.

Senza fissa dimora, ex parcheggiatore abusivo con un precedente di lesioni a danno di un altro parcheggiatore, Carfora, originario di Torre Annunziata, era stato dimesso lo scorso giugno dall’ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa, dove era finito proprio per quell’episodio di aggressione. Chi lo conosce lo descrive come un uomo problematico e violento. Stando alla testimonianza della madre di Francesco, il fidanzato di Sonia, presente all’omicidio, Carfora avrebbe perseguitato e minacciato sia Sonia sia Francesco.

L’agguato in strada, dunque, secondo i testimoni, non era un episodio imprevedibile, ma l’imponderabile deriva di un comportamento persecutorio messo in atto da tempo nei confronti di Sonia. Mentre a Rimini si organizza una fiaccolata in memoria della vittima, le indagini per omicidio a carico di Carfora vanno avanti. Si cercano ancora l’arma del delitto, un coltello e gli abiti sporchi di sangue di cui il femminicida si è disfatto nel corso della sua breve fuga.

Dopo aver assassinato Sonia, il 39enne si è allontanato con l’intenzione di tornare in Campania in treno. È stato fermato dalla polizia nel centro di Otranto, quando si era ormai già liberato di coltello e vestiti. Il pregiudicato è accusato di omicidio volontario con l’aggravante della premeditazione,Oggi sarà conferito oggi l’incarico per l’autopsia sul corpo di Sonia.

Articolo PrecedenteAgrigento, operatorie sanitario arrestato per violenza sessuale su una una paziente
Prossimo ArticoloRoberta Siragusa è morta per asfissia, i risultati dell’autopsia: “Bruciata mentre era ancora viva”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.