Cesena, genitori portano il bimbo di 2 anni all’ospedale: muore. Inchiesta della procura

0
Cesena, genitori portano il bimbo di 2 anni all’ospedale.

Cesena, genitori portano il bimbo di 2 anni all’ospedale. La mamma e il papà di Diego Georgiev, che abitava con la sua famiglia a Gambettola, non sanno ancora di cosa sia morto il piccolo e soprattutto ma non riescono a capacitarsi del perché dall’ospedale Bufalini di Cesena, dov’era stato inizialmente ricoverato, pur avendo compreso la gravità del suo stato di salute, abbiano fatto passare tempo prezioso prima di mettere in pratica quello che avevano stabilito già da diverse ore, cioè il trasferimento nel più attrezzato nosocomio di Sant’Orsola a Bologna.

Dramma lo scorso venerdì 18 giugno, all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Diego Georgiev, due anni ancora da compiere, è morto dopo un peggioramento improvviso delle sue condizioni. I genitori sono convinti che poteva essere salvato e si sono perse ore preziose, all’ospedale di Cesena, prima di decidere per il trasferimento nel più attrezzato nosocomio del capoluogo emiliano. Per questo, per fare piena luce sui fatti, hanno deciso sporto denuncia nella stazione dei carabinieri di Cesena chiedendo alla Procura di disporre un’autopsia “terza”, nominando un suo consulente medico legale, per accertare le cause del decesso ed eventuali responsabilità dei sanitari, in luogo del riscontro diagnostico che si sarebbe dovuto effettuare quest’oggi, martedì 22 giugno, su iniziativa interna dell’azienda sanitaria felsinea.

Il dramma di questa famiglia, di origine ucraina, è cominciato lo scorso lunedì 14 giugno, nella loro abitazione a Gambettola, in provincia di Cesena. Diego non aveva mai sofferto di alcuna patologia e anche la lieve alterazione manifestatasi lunedì 14 giugno sembrava una febbricola di passaggio: e di fatti la situazione nel giro di poche ore sembrava essere sotto controllo. La temperatura era tornata ad essere normale e tutto stava procedendo per il meglio. Ma mercoledì la febbre torna a salire, Diego comincia a tremare e allora i genitori lo portano dalla sua pediatra, che gli riscontra delle placche prescrivendogli del Nurofen. La situazione non migliora e così i genitori lo portano d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Bufalini. Diego inizia anche a vomitare e per questo i medici gli mettono una flebo per reintegrare i liquidi. Il giorno dopo l’ulteriore peggioramento. La febbre sale notevolmente e i dottori, dopo una vista, informano la mamma ed il padre che era meglio un trasferimento all’ospedale Sant’Orsola. Gli vengono diagnosticati dei problemi al cuore.

Il trasferimento nell’altra struttura ospedaliera, era previsto nella mattinata di venerdì 18 intorno alle 7.30. Però non è avvenuto prima delle 11.30 ed è proprio su questo punto che oggi i genitori vogliono accertare se vi siano delle eventuali responsabilità e colpe. Vogliono sapere se queste ore sono state per lui fatali. Alla fine i sanitari dell’ospedale di Bologna decidono sottoporlo a un delicato intervento al cuore programmato per quella sera stessa, ma Diego in sala operatoria non ci arriverà: muore alle 19.30. La famiglia, distrutta da questa tragica ed improvvisa perdita, ha chiesto che sia fatta chiarezza.

Articolo PrecedenteBimba di 8 anni insultata dai bulli perché ha perso i capelli per la chemioterapia: aggressione “disgustosa”
Prossimo ArticoloCos’è la variante Delta Plus e perché preoccupa gli esperti
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.