Castello di Godego, il papà ha ucciso il figlio di 2 anni perché temeva fosse autistico

0
Castello di Godego, il papà ha ucciso il figlio di 2 anni perché temeva fosse autistico.

Castello di Godego, il papà ha ucciso il figlio di 2 anni perché temeva fosse autistico. “Non sono un mostro, l’ho fatto per evitare a mio figlio un futuro di sofferenze”, così si è giustificato nella sua lettera di addio Egidio Battaglia, l’uomo di 43 anni che prima ha strangolato il figlioletto di due anni, Massimiliano, e poi si è suicidato a Castello di Godego, in provincia di Treviso.

“Non sono un mostro, l’ho fatto per evitare a mio figlio un futuro di sofferenze”, così si è giustificato nella sua lettera di addio Egidio Battaglia, l’uomo di 43 anni che prima ha strangolato il figlioletto di due anni, Massimiliano, e poi si è suicidato a Castello di Godego, in provincia di Treviso. Alla base della tragedia familiare che ha sconvolto la cittadina trevigiana quindi ci sarebbero le preoccupazioni dell’uomo per le possibili sofferenze del figlio una volta diventato più grande dopo una prima diagnosi che parlava di una possibile forma di autismo. Un’ansia che era cresciuta sempre di più nella testa dell’uomo dopo la notizia arrivata circa due mesi fa ma che in realtà si basava solo su una diagnosi preliminare vista la tenera età del piccolo.

Sul bimbo solo una prima diagnosi di disturbi cognitivi

Gli stessi medici parlavano di possibili disturbi cognitivi per accertare i quali sarebbero serviti ulteriori analisi con il crescere del piccolo. Per Egidio Battaglia però quella prima diagnosi era diventa quasi una ossessione. Per lui il bimbo non aveva speranza di una vita normale. “Non posso pensare a quando io e mia moglie non ci saremo più, e mio figlio sarà da solo e non potrà contare sull’aiuto di nessuno. L’ho fatto per evitare a mio figlio un futuro di sofferenze. Meglio farla finita subito, prima che sia troppo tardi” ha scritto nella missiva ritrovata in casa sua non lontano dal suo corpo senza vita in una pozza di sangue.

“Gli altri non si rendono conto di quanto grave sia la situazione”
Ansie e preoccupazioni che l’uomo covava dentro di sé senza esplicitarle del tutto agli altri nemmeno ai familiari che, pur consapevoli delle preoccupazioni, non immaginavano mai che potesse arrivare a tutto questo. “Gli altri non si rendono conto di quanto grave sia la situazione, io sì” ha ammesso lo stesso 43enne nella missiva. Parole pensate con lucidità e che per gli inquirenti dimostrano che non vi è stato un raptus ma un atto pianificato. Egidio Battaglia avrebbe atteso l’uscita della moglie per andare al lavoro per mettere in atto il su piano. Quando il padre e nonno del piccolo ha lanciato l’allarme probabilmente i due erano già morti da tempo.

Articolo PrecedenteSI SPACCIANO PER UN COMANDANTE USA IN MISSIONE E TRUFFANO UNA 50ENNE OLBIESE
Prossimo ArticoloSPOSTAMENTO FRA REGIONI, DIVIETO SARÀ PROROGATO FINO AL 31 MARZO
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.