Carlotta, morta a 18 anni in un incidente a Mykonos davanti alle amiche. Sono rientrate in Italia le amiche di Carlotta Martellini, la 18enne di Perugia morta nei giorni scorsi in un incidente stradale mentre era in vacanza a Mykonos, in Grecia, dove è stata aperta un’inchiesta per ricostruire la dinamica di quanto successo ed accertare eventuali responsabilità. Ancora non ci sono certezze sul rientro della salma della vittima,anche se domani potrebbero arrivare i primi chiarimenti su tempi e modalità del rimpatrio.

Sono già rientrate in Italia le sette amiche di Carlotta Martellini, la 18enne di Perugia morta nei giorni scorsi in un incidente stradale mentre era in vacanza a Mykonos, in Grecia. “L’abbiamo vista volare e poi il buio”, hanno detto appena arrivate a casa, come il riporta il quotidiano Il Messaggero. Sono ancora sotto choc per quello a cui hanno assistito: era l’alba di venerdì scorso quando le due jeep scoperte sulle quali viaggiavano tutte, quattro per macchina, sono finite fuori strada addosso agli scogli. E a Carlotta è andata peggio che alle altre: è infatti letteralmente volata fuori dall’abitacolo e l’impatto con le rocce è stato fatale. La sua salma è ancora in Grecia, dove sono arrivati da poco anche i suoi genitori, mentre la polizia locale ha aperto un’indagine per cercare di ricostruire con esattezza la dinamica della tragedia.

Carlotta era la più piccola del gruppo, l’unica a non aver sostenuto quest’anno l’esame di Maturità. Ma aveva da poco compiuto 18 anni e il viaggio in Grecia era proprio un regalo per aver raggiunto la maggiore età. Una vacanza all’insegna del divertimento che poco prima del ritorno a casa, sarebbero dovute ripartire entro qualche ora, si è trasformata in tragedia. Secondo quanto ricostruito finora, le amiche avevano ballato al Tropicana, un noto locale di Mykonos, poco prima dell’incidente. In un video pubblicato su Instagram si vedono percorrere felici in macchina il tragitto per tornare all’appartamento che avevano preso in fitto sulla provinciale Agios Stefanos-Fanari, e in cui compare anche Carlotta, la quale è seduta sul sedile posteriore.

Intanto è lutto a Perugia per la morte improvvisa della studentessa, che aveva il sogno di diventare un medico, come hanno raccontato alcuni dei suoi insegnanti alla stampa locale. Il sindaco Andrea Romizi ha lasciato un messaggio sulla pagina Facebook ufficiale del comune: “A nome dell’intera Amministrazione comunale e della città tutta esprime vivo e sentito cordoglio per la tragica scomparsa della giovane perugina Carlotta Martellini, vittima di un incidente stradale durante una vacanza nell’isola greca di Mykonos. Alla famiglia della ragazza, che aveva da poco compiuto di 18 anni, il sindaco ha voluto rivolgere un pensiero di sostegno e vicinanza, stringendosi attorno ai genitori nel dolore per questa assurda tragedia che ha colpito l’intera comunità perugina. Nel contempo il sindaco ha espresso un sentimento di forte vicinanza anche alle altre ragazze perugine, rimaste ferite e coinvolte nell’incidente di Mykonos, ed alle loro famiglie manifestando la disponibilità dell’Amministrazione comunale per ogni eventuale esigenza”. Ancora non ci sono certezze sul rientro della salma, lunedì 27 luglio potrebbero arrivare i primi chiarimenti su tempi e modalità del rimpatrio.