Canzo, lutto in città per la scomparsa di Raffaella Franciullo. Non c’è stato nulla da fare per Raffaella Franciullo, la donna di 45 anni morta in un drammatico incidente stradale avvenuto nella mattinata di ieri lunedì 7 settembre: mamma di una ragazza e residente ad Asso, si è schiantata contro un albero con la sua auto nel piccolo comune di Canzo, in provincia di Como.

Si chiamava Raffaella Franciullo e aveva 45 anni la donna morta nell’incidente stradale avvenuto ieri mattina nel piccolo comune di Canzo, in provincia di Como. Madre di una ragazza e sposata, Raffaella stava percorrendo via Monte Barzaghino quando giunta nei pressi del civico 6 la sua auto è uscita fuori strada schiantandosi contro un albero.

Disposta l’autopsia per chiarire le cause del decesso

Una morte che ha lasciato attoniti gli abitanti del comune comasco che la donna stava raggiungendo per andare a lavorare come ogni mattina: la 45enne viveva ad Asso e ieri si era messa alla guida della sua auto, una Fiat Panda azzurra, quando poco dopo le 9.30 c’è stato lo schianto. Ancora tutta da ricostruire la dinamica dell’incidente sulla quale sono al lavoro gli agenti della polizia locale di Canzo che hanno svolto i rilievi immediatamente dopo lo schianto: al momento infatti non è chiaro come l’utilitaria di Raffaella Franciullo sia finita fuori strada. Non sembra che ci siano altre auto coinvolte per questo è probabile che a a causare la perdita del controllo del mezzo sia stato l’asfalto reso scivoloso dalla pioggia, mentre non è da escludere un malore. Per questo il magistrato di turno della procura di Como, Pasquale Addesso, ha già disposto l’autopsia così da poter chiarire le cause del decesso della donna.

Sposata e madre di una ragazza, Raffaella viveva ad Asso
Quando i soccorritori del 118 sono giunti sul posto per lei non c’era ormai più nulla da fare: i vigili del fuoco hanno lavorato ininterrottamente per estrarre il corpo della 45enne dalla lamiere della vettura che si è praticamente accartocciata dopo lo schianto contro un albero posto ai bordi della carreggiata. Quando è stata affidata alle cure dei sanitari però purtroppo per lei non c’era ormai più nulla da fare e non è stato possibile fare altro che constatarne il decesso.