Cagliari, uccisa dal marito con 6 coltellate: la sera prima Angelica aveva chiesto aiuto in un bar

0
Cagliari, uccisa dal marito con 6 coltellate

Cagliari, uccisa dal marito con 6 coltellate: la sera prima Angelica aveva chiesto aiuto in un bar. A poche ore dal suo omicidio Angelica era scappata di casa e aveva raggiunto un vicino bar, scalza, chiedendo aiuto e raccontando di essere stata picchiata dal marito. Il giorno dopo, Paolo Randaccio, 67 anni, ha afferrato un coltello e colpito la moglie per almeno sei volte, fino a ucciderla. L’uomo è ora in carcere mentre i carabinieri tentando di ricostruire cosa sia accaduto in quell’appartamento di Quartucciu, in provincia di Cagliari, teatro di continue violenze e maltrattamenti.

Sono almeno sei le coltellate che Paolo Randaccio, 67 anni, ha inferto alla moglie, Angelica Salis, morta dissanguata nell’appartamento di Quartucciu, in provincia di Cagliari, dove vivevano da tempo. L’ha uccisa dopo l’ennesima lite nata tra le mura di casa al civico 34 di via Sarcidano, dove Angelica, 60 anni, subiva da tempo le violenze fisiche e psicologiche del marito. È stato lui a chiamare i carabinieri e confessare al telefono quanto aveva appena fatto: “Sono a casa, venite: ho ucciso mia moglie”.

Secondo un primo esame esterno effettuato sul luogo dell’omicidio dal medico legale Roberto Demontis, la donna sarebbe stata colta alla sprovvista dal marito che l’ha aggredita in cucina: Angelica non avrebbe fatto nemmeno in tempo a difendersi. Le coltellate e poi la morte sopraggiunta poco dopo. Quando i carabinieri sono giunti con i soccorritori del 118 nell’appartamento dei due hanno trovato la donna ormai morta in una pozza di sangue. Accanto a lei il marito che è stato immediatamente fermato e portato in caserma prima di essere trasferito nel carcere di Uta dove si trova tutt’ora: non ha opposto resistenza, ha atteso sull’uscio di casa l’arrivo dei militari e si è fatto arrestare. Tra oggi e domani dovrebbe essere interrogato dal magistrato di turno, Nicola Giua Marassi. Intanto presso il Policlinico di Monserrato si terrà l’autopsia sul corpo di Angelica necessaria a chiarire le cause del decesso: fatale secondo una prima ipotesi sarebbe stata la coltellata che il marito le ha sferrato al collo.

Intanto i carabinieri stanno tentando di ricostruire i dettagli dell’ennesimo femminicidio che si registra a poche ore dal tentato omicidio di una donna, poco distante a Sassari, che si trova ora in ospedale dopo essere stata aggredita dal marito poi morto suicida. Ed è ascoltando le testimonianze dei vicini che i militari hanno scoperto che mercoledì sera, a poche ore dall’omicidio, Angelica al termine dell’ennesima lite col marito era uscita di casa correndo, probabilmente per sfuggire alla furia del marito e, scalza, aveva raggiunto il bar vicino chiedendo aiuto e raccontando ai presenti di essere stata picchiata. Nessuno, sembra, è intervenuto. Qualcuno racconta di una donna piuttosto confusa alla quale era difficile dare credito. “Litigavano come tutti”, aggiunge qualche vicino. E invece la storia di Angelica non è quella di un litigio, ma quello di un omicidio.

 

Articolo PrecedenteGreen pass a scuola, scatta l’obbligo anche per i genitori che accompagnano i figli in classe
Prossimo ArticoloTaglia pezzi la madre a Napoli, la confessione al fratello: “Ho fatto come era scritto nel libro”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.