Cagliari, la paura dei talassemici. Il presidente di Thalassazione, Matteo Pusceddu, è molto critico sulla riforma sanitaria: “Un salto nel buio, vediamo solo svantaggi: fermate questo cambio, continueremo a protestare”.

Il “passaggio” del Microcitemico di Cagliari dal Brotzu all’Asl? “Un salto nel buio, una scelta calata dall’alto”. Ci va giù molto duro Matteo Pusceddu, presidente della onlus Thalassazione (ha circa trecento talassemici iscritti) sulla riforma sanitaria partorita dal centrodestra in Regione: “Col Brotzu ci sono dei percorsi per noi talassemici e ci sono sinergie in corso anche con l’Oncologico. Vediamo solo svantaggi: la farmacia che distribuisce i farmaci è quella dell’Oncologico, con due aziende diverse non abbiamo nessuna certezza su come funzionerà e su come verrà presa in carico la cura di noi talassemici dall’Asl. Anni fa avevamo avuto un percorso inverso, lo spostamento dall’Asl all’azienda Brotzu. Ora che stavamo ingranando c’è questo nuovo spostamento”.

Che, per Pusceddu, sarebbe principalmente frutto “di spartizioni di potere della politica, non si tiene conto delle esigenze dei pazienti. Ripensateci, fermate questo scambio: noi malati dobbiamo anche pensare a curarci ma siamo pronti a continuare a protestare”.