Tragico incidente oggi, martedì 13 agosto, a Sessa Aurunca, nella provincia di Caserta: un uomo del luogo di 48 anni, Antonio Testa, è improvvisamente caduto mentre stava camminando per strada e ha battuto violentemente la testa sull’asfalto. I soccorsi si sono rivelati inutili: il 48enne è praticamente deceduto sul colpo.

Un vero e proprio dramma, una tragica fatalità, quella avvenuta martedì 13 agosto, a Sessa Aurunca, nella provincia di Caserta. Un uomo del posto, Antonio Testa, 48 anni, è morto dopo essere caduto mentre camminava per strada. Stando a quanto si apprende, il 48enne si trovava nel centro storico della frazione di Lauro quando, per cause ancora in corso di accertamento, ha perso l’equilibrio ed è caduto, battendo violentemente la testa sull’asfalto. Sul posto sono immediatamente giunti i sanitari del 118, che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 48enne, morto praticamente sul colpo. Sul posto anche i carabinieri, che hanno svolto tutti i rilievi del caso per stabilire l’esatta dinamica di quanto accaduto: il corpo dell’uomo è stato portato all’istituto di Medicina Legale di Caserta dove verrà effettuata l’autopsia. A Sessa Aurunca, Antonio Testa era conosciuto come “l’olandese” per i suoi anni trascorsi nei Paesi Bassi.

Un incidente dalla dinamica diversa, ma altrettanto drammatico, quello in cui ha perso la vita Livio Mancini, ingegnere di 47 anni originario di Formia, nella provincia di Latina. L’uomo, residente ormai in Campania da anni, stava percorrendo l’Asse Mediano a bordo della sua automobile quando, all’altezza di Giugliano, nella provincia di Napoli, è sceso dall’abitacolo per controllare un guasto ed è stato investito da una vettura che stava sopraggiungendo. Soccorso dal 118 e trasportato all’ospedale San Giuliano, il 48enne è morto poco dopo il ricovero a causa delle gravi ferite riportate.