Burioni: “Infettare volontari vaccinati: così riduciamo sperimentazione da un anno a pochi mesi”

0
Burioni: “Infettare volontari vaccinati: così riduciamo sperimentazione da un anno a pochi mesi”

Burioni. Si prendono delle persone giovani, persone che non dovrebbero soffrire grande danno dall’infezione, si vaccinano e poi si prova a infettarle. Se questo venisse eticamente accettato noi potremmo ridurre quell’anno a pochi mesi: così il virologo Roberto Burioni spiega i passi avanti fatti in questi mesi dalla scienza in merito a un vaccino contro il Covid-19 e parla della fase 2.

Il virologo Roberto Burioni interviene alla trasmissione di Fabio Fazio, Che Tempo Che Fa, e parla degli strumenti necessari per poter entrare in sicurezza nella fase 2, quella di graduale riapertura del Paese. “Quello che noi stiamo imparando da questo virus è che la contagiosità è molto superiore a quella che pensavamo e molta viene da persone che non hanno sintomi quindi tutti dobbiamo considerarci malati, tutti potremmo essere infettivi”, afferma Burioni.

E di conseguenza c’è bisogno in primis di indossare la mascherina quando usciamo di casa, ma anche di aumentare i tamponi effettuati. Infine, il virologo non esclude l’utilizzo di un app sul cellulare per tracciare i contatti di una persona in modo che, nel caso di contagi, sia più semplice circoscrivere un nuovo focolaio. “Quando usciamo dovremo portare tutti le mascherine, e su questo dobbiamo cominciare a prepararci. Serve fare più tamponi, tantissimi test, perché questa malattia può durare anche un mese. E poi, servono le app per tracciare tutti i contatti”, ribadisce il virologo.

Che poi, insieme ad Andrea Gambotto, professore all’Università di Pittsburgh, spiega i passi avanti compiuti in materia di vaccino contro il coronavirus. Un vaccino-cerotto, per la precisione, che funziona in modo molto simile ad altri anti-influenzali e basato sulla proteina “spike”, di cui si è scoperta la sequenza genetica lo scorso 10 gennaio. “La scienza sta andando a velocità mai conosciute prima”. Rispetto ai tempi, Burioni sottolinea: “C’è una grossa novità che dobbiamo considerare, una novità che potrebbe cambiare il futuro dei vaccini. Come si fa per capire se un vaccino funziona? Si prendono 4mila persone, 2mila si vaccinano e 2mila no: poi si seguono nel tempo per vedere se tra i non vaccinati c’è maggiore incidenza della malattia. Questo richiede molto tempo: ma ora si sta cominciando a parlare della possibilità di sperimentare il vaccino su dei volontari”.

E ancora: “Si prendono delle persone giovani, persone che non dovrebbero soffrire grande danno dall’infezione, si vaccinano e poi si prova a infettarle”. Il virologo sottolinea che questo sia un problema fondamentalmente etico: “Se questo venisse eticamente accettato noi potremmo ridurre quell’anno a pochi mesi”.

 

Articolo PrecedenteFesta tra le scale del palazzo a Pozzuoli, ma è agli arresti domiciliari: denunciato per evasione
Prossimo ArticoloEdoardo Valli, ginecologo morto di Covid-19, scriveva su Fb: “Sto male, non mi fanno il tampone”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.