Bruna Bovino uccisa e data alle fiamme a Bari, sentenza ribaltata per l’ex: condannato a 26 anni

0
Bruna Bovino uccisa e data alle fiamme a Bari, sentenza ribaltata per l’ex.

Bruna Bovino uccisa e data alle fiamme a Bari, sentenza ribaltata per l’ex. Condannato a 26 anni e sei mesi Antonio Colamonico, imputato per aver ucciso a colpi di forbici Bruna Bovino, estetista di 29 anni sua ex fidanzata. Il brutale delitto il 12 dicembre 2013 nel centro estetico a Mola di Bari. La mamma: “Nessuna sentenza potrà restituirmela, ma oggi dopo 8 anni finalmente è stata fatta giustizia”.

Ventisei anni e sei mesi. Questa la condanna decisa dalla Corte di Assise di Appello di Bari per Antonio Colamonico, 41enne imputato per l’omicidio della ex compagna Bruna Bovino. La donna, una ventinovenne italo-brasiliana che lavorava come estetista, venne uccisa a Mola di Bari il 12 dicembre 2013. Il corpo fu trovato semicarbonizzato sul pavimento del centro estetico dopo essere stata uccisa con 20 colpi di forbici e strangolata. Nel 2015, in primo grado, l’imputato era stato condannato a 25 anni di reclusione ma poi in appello, nel novembre 2018, era stato assolto e oggi, dopo l’annullamento con rinvio da parte della Cassazione, un nuovo collegio della Corte di Assise di Appello ha ribaltato la sentenza. Colamonico è dunque ritenuto colpevole di omicidio volontario e incendio doloso, senza il riconoscimento della continuazione tra i due reati. Colamonico venne arrestato nell’aprile 2014 con le accuse di omicidio volontario e incendio doloso. Nella ricostruzione dell’accusa, le fiamme furono appiccate per cancellare le prove del brutale delitto.

La mamma di Bruna dopo la sentenza: “Fatta giustizia”
“Mia figlia non c’è più, non tornerà più e nessuna sentenza potrà restituirmela, ma oggi dopo 8 anni finalmente è stata fatta giustizia”, così in lacrime dopo la sentenza Lilian Baldo, la madre di Bruna. Uscendo dal Palazzo di giustizia di piazza De Nicola, a Bari, la donna si è detta fiduciosa che la Cassazione, se questa sentenza dovesse essere impugnata, confermerà la condanna. “Lui era l’unico, non c’erano altri indiziati, non poteva essere stato un altro e adesso lo hanno confermato i giudici. Mi batterò fino a quando sarò viva perché mia figlia abbia giustizia, per lei e per i suoi figli”, così la mamma della giovane uccisa. Nel processo per l’omicidio di Bruna Bovino erano costituiti parti civili, oltre alla mamma, la zia e la Regione Puglia.

 

Articolo PrecedenteIl giallo di Madalina Pavlov, volata giù da un palazzo a 21 anni: “È stata uccisa”
Prossimo ArticoloIn Europa aumenta il consumo di ansiolitici e antidepressivi: allarme anche per l’Italia
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.