Bordighera, lite in casa finisce nel sangue. Quando i militari dell’arma sono intervenuti sul posto, allertati dai vicini che sentivano le urla provenire dall’appartamento, hanno trovato l’uomo ferito ma ancora cosciente che era seduto sulle scale della palazzina con il coltello nel petto. Il 41enne è stato operato d’urgenza ed è ora ricoverato in prognosi riservata. La 29enne è stata arrestata.

Una lite familiare tra le mura domestiche è finita nel sangue nelle scorse ore in un’abitazione dell’Imperiese dove una donna ha accoltellato il convivente ferendolo gravemente. L’episodio nel notte tra domenica 30 e lunedì 31 agosto in un appartamento di Bordighera. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri in base alle testimonianze dei diretti interessati e dei vicini di casa, la lite tra i due sembra stesse andando avanti dalla serata precedente ed è proseguita fino alle 3 quando infine la donna avrebbe preso un coltello piantandolo in pieno petto al convivente.

Secondo quanto appreso, la lite è avvenuta la notte scorsa poco prima delle 3 e sarebbe presto degenerata. Quando i militari dell’arma sono intervenuti sul posto, allertati dai vicini che sentivano le urla provenire dall’appartamento, hanno trovato l’uomo ferito ma ancora cosciente che era seduto sulle scale della palazzina con il coltello nel petto. È stato allertato il 118 e l’uomo è stato così immediatamente soccorso e trasferito d’urgenza in ospedale. vista la gravita delle ferite è stato allertato anche l’elisoccorso che ha provveduto al suo trasporto all’ospedale San Martino di Genova. Qui il 41enne è stato operato d’urgenza ed è ora ricoverato in prognosi riservata.

La compagna, una ragazza di 29 anni che era ancora in casa, è stata invece fermata dai carabinieri e poi condotta al carcere di Genova Pontedecimo, a disposizione dell’autorità giudiziaria. La donna deve rispondere del reato di tentato omicidio. Per colpire al petto il convivente ha usato un grosso coltello da cucina che le forze dell’ordine hanno sequestrato.