Bolzano, uccide l’amico a coltellate dopo una lite: si sospetta esoterismo

0
Teschi e immagini del diavolo tatuate sul braccio, la pista satanista dietro l’omicidio di Brunico.

Bolzano, uccide l’amico a coltellate dopo una lite. Una banale lite si è trasformata in tragedia a Brunico, in provincia di Bolzano, dove la scorsa notte un cittadino polacco ha ucciso a coltellate un uomo in un appartamento del centro storico della città. A casa del killer sono stati trovati teschi e scheletri: si sospetta esoterismo.

Una banale lite si è trasformata in tragedia a Brunico, in provincia di Bolzano, dove la scorsa notte un cittadino polacco ha ucciso a coltellate un uomo in un appartamento del centro storico della città. Stando a quanto è stato possibile accertare la vittima è Maximum Zanella, 30 anni, residente a Brunico, ma nato in Russia. Il killer è rimasto ferito nella colluttazione ed è dovuto ricorrere alle cure ospedaliere. Lì avrebbe riferito ai medici come sono andati i fatti e che avrebbe gettato nel fiume Rienza il coltello e il cellulare dopo aver commesso il delitto.

Oskar Kozlowski, questo il nome dell’assassino, è stato fermato pochi minuti dopo essere stato curato dagli agenti di polizia: si tratta di un giovane polacco di 21 anni, amico della vittima Maximum Zanella. L’uomo ha raccontato di aver ucciso il trentenne dopo un’accesa lite. Nel frattempo nel fiume Rienza le forze dell’ordine hanno dato inizio alle ricerche per trovare l’arma del delitto.

Le indagini su cosa è accaduto sono tuttora in corso. Si sospettano anche riti esoterici: nell’appartamento di Oskar Kozlowski sarebbero stati trovati anche teschi e scheletri di plastica. Dei due giovani si sa che si conoscevano. Al momento il movente dell’omicidio non affatti chiaro, affermano i carabinieri. Sul posto c’è il pubblico ministero di turno.

Articolo Precedente“Voglio giocare con te”. Sequestrata e seviziata: capelli tagliati, punta con una siringa e cosparsa di alcol
Prossimo ArticoloBinasco, carabiniere si suicida con la pistola d’ordinanza in caserma: lascia una figlia di 14 anni
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.