Bologna, morta a 4 anni in ospedale: indagati quattro medici. “Gastroenterite diagnosi errata”

0
Bologna, morta a 4 anni in ospedale: indagati quattro medici.

Bologna, morta a 4 anni in ospedale: indagati quattro medici. A quattro anni è morta per un’occlusione intestinale non diagnosticata: questo è quanto sostengono i pm che hanno iscritto al registro degli indagati quattro medici del Policlinico di Bologna che nel 2020 avrebbero diagnosticato erroneamente alla bambina una gastroenterite. Per il pm “i medici avevano la possibilità di diagnosticare l’occlusione ed evitare quanto successo”.

La Procura di Bologna si è espressa sul caso della bimba di quattro anni e mezzo morta il 21 ottobre 2020 all’ospedale Sant’Orsola. I medici indagati diagnosticarono una gastroenterite invece di un’occlusione intestinale e per loro era stato configurato il reato di omicidio colposo. Adesso il pm attesta che i sanitari “avevano la possibilità di diagnosticare l’occlusione intestinale ed evitare quanto accaduto”. A quattro anni e mezzo, la bimba è morta tra le braccia della madre per la grave occlusione intestinale che non sarebbe stata diagnosticata.

La bimba era stata dimessa e il giorno dopo i malesseri non l’avevano lasciata in pace. Così era stata ricoverata, ma pochi giorni dopo era morta nonostante l’ospedalizzazione. Il Policlinico si era dichiarato sotto shock per quanto avvenuto, chiarendo di non aver ancora appurato quali fossero le dinamiche che avevano causato il decesso. La Procura ha chiuso gli accertamenti, notificando ai quattro medici indagati l’avviso di fine indagine che solitamente precede la richiesta di rinvio a giudizio. Secondo il pm, l’evento poteva essere prevenuto ed evitato tramite la diagnosi di occlusione intestinale.

Per il giudice, si trattava di una disamina facilmente deducibile che avrebbe potuto salvare la vita di una bimba di appena quattro anni. Per questo motivo, ritenendo la diagnosi errata, le autorità hanno iscritto quattro medici al registro degli indagati. Saranno le prossime tappe del procedimento ad attestare ipotesi di reato ed eventuali responsabilità da parte dei sanitari. “Nel ribadire la massima fiducia nell’Autorità giudiziaria – ha fatto sapere il Policlinico in merito alla vicenda – e la completa disponibilità a collaborare per ogni esigenza, rinnoviamo il cordoglio e la vicinanza alla famiglia da parte della direzione ospedaliera”.

Articolo Precedente“Mercati animali vivi responsabili del 70% delle malattie infettive”: Oms chiede di fermarli
Prossimo ArticoloRistoratori bloccano l’autostrada, chiuso tratto dell’A1 tra Orte e Attigliano
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.