Bimbo ucciso a Milano: il padre condannato all’ergastolo, riconosciuto anche reato di tortura

0
Bimbo ucciso a Milano: il padre condannato all’ergastolo, riconosciuto anche reato di tortura.

Bimbo ucciso a Milano: il padre condannato all’ergastolo, riconosciuto anche reato di tortura. È stato condannato all’ergastolo e a nove mesi di isolamento diurno Alija Hrustic, l’uomo di 26 anni ritenuto responsabile dell’omicidio del figlio di due anni e mezzo. A stabilirlo è stata la Corte d’Assise di Milano. Oltre all’omicidio volontario e ai maltrattamenti, tutti aggravati, i giudici hanno riconosciuto anche il reato di tortura.

È stato condannato all’ergastolo e a nove mesi di isolamento diurno Alija Hrustic, l’uomo di 26 anni accusato dell’omicidio del figlio di due anni e mezzo avvenuto a maggio 2019 in via Ricciarelli a Milano, in un alloggio occupato nel quartiere di San Siro. A stabilirlo è stata la Corte d’Assise di Milano. Il giudice Ilio Mannucci Pacini ha infatti accolto la richiesta del pubblico ministero Giovanna Cavalleri. Oltre all’omicidio volontario e ai maltrattamenti, tutti aggravati, i giudici hanno riconosciuto anche il reato di tortura.

Milano, fermato il padre del bimbo morto in casa. Un parente: “Si merita l’ergastolo”

Primo caso in cui è contestato reato di tortura
Questo è il primo caso in Italia in cui viene contestato il reato di tortura nell’ambito di maltrattamenti in famiglia. Oltre alla condanna, la Corte ha stabilito che l’uomo dovrà fornire risarcimenti per circa trecentomila euro. Tra le parti da risarcire c’è anche la madre del piccolo Mehmed: “Francamente non mi aspettavo la condanna per la tortura – ha detto l’avvocato difensore del 26enne – così come è stata ricostruita negli atti. Né mi aspettavo l’ergastolo. Sembra incredibile, ma io speravo in una condanna a 30 anni, che avrei ritenuto più attinente ai fatti “. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro novanta giorni. Stando a quanto riportato dall’agenzia Ansa, al momento della lettura della condanna, Hrustic sarebbe rimasto impassibile.

Pm: “Violenze caratterizzate da gratuita crudeltà”
Il pubblico ministero Cavalleri, durante la requisitoria, ha spiegato come la lesione alla testa del piccolo – che avrebbe poi causato la morte – sarebbe stata data come “ultimo atto di una notte di sevizie”. Per la pm inoltre le violenze nei confronti del bambino – dalle bruciature di sigarette alle ustioni – sarebbero state caratterizzate “da gratuita crudeltà”. Il 26enne, pochi giorni dopo la morte del figlio e dopo che le forze dell’ordine lo avevano trovato in un condominio in zona Giambellino, aveva confessato l’efferato gesto affermando di averlo ucciso “in un momento di rabbia”. Prima di scappare, era stato lui stesso a dare l’allarme alla polizia affermando che il bambino aveva problemi a respirare.

Articolo PrecedenteVenezia, picchia, umilia e violenta “oltre l’indicibile” la moglie per anni: arrestato
Prossimo ArticoloCosa è successo nei 14 secondi della tragedia del Mottarone: “La cabina sussulta e torna indietro”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.