Bimbo di 4 anni insultato da un’anziana sul bus: “Mamma mia, ha la sindrome di down”

0

Angie Theakston, 43enne inglese, era in viaggio con il figlio Joey su un autobus. Il piccolo sarebbe stato insultato da una donna anziana seduta sul mezzo dopo aver fatto un po’ di rumore: “Ah, ha la sindrome di Down? Non riuscirei a stargli accanto”

Stava viaggiando con suo figlio di quattro anni, un bimbo con la sindrome di Down, su un pullman, quando il piccolo sarebbe stato vittima di abusi verbali. Angie Theakston, 43 anni, di Beverley, nella contea dello Yorkshire, ha raccontato al Sun che a suo figlio Joey è stato detto di “stare zitto” da una donna anziana. Quando la donna si è girata verso il piccolo, ha poi esclamato: “Ah, ah la sindrome di Down? Mamma mia, non potrei sopportarlo “, lasciando la madre inorridita. “Era tanto eccitato per il suo viaggio sul bus e non vedeva l’ora di entrare” ricorda Angie. Tuttavia la passeggera, contrariata, si sarebbe infuriata per il rumore che stava facendo, voltandosi per dirgli di “stare zitto”.

“È qualcosa che rimarrà con me per sempre. Per fortuna Joey è ancora in quell’età in cui non ci si infastidisce più di tanto per episodi del genere. Faceva male più a me di quanto non facesse male a lui” dice ancora la 43enne. L‘anziana donna ha poi continuato la sua predica rivolgendosi a un altro passeggero seduto accanto a lei: “Mamma mia, la sindrome di Down? Non riuscirei a stargli accanto”. Dopo un po’ Joey le avrebbe toccato il cappello. “Ha allungato la mano e l’ha toccato e lei è saltato e ha detto ancora: ‘la sindrome di Down? Non potrei farcela’”.

In seguito all‘incidente “scioccante”, la signora Theakston, che è anche madre di Holly, 15 anni, Beth, 21 anni, ed Emily di 24 anni, ha condiviso la sua storia sui social network anche con l’intenzione di sensibilizzare il prossimo sulle condizioni genetiche di suo figlio. “Spero che raccontando la mia storia le persone diventino consapevoli di ciò che dicono a chi è affetto dalla sindrome di Down” dice.

Articolo PrecedenteParma, grave donna travolta sulle strisce: “Sbalzata sull’asfalto e abbandonata dall’auto pirata”
Prossimo ArticoloColombia: aereo in fiamme dopo un atterraggio di emergenza, 12 morti
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.