Bimbi sopravvivono a naufragio: aggrappati al cadavere della madre che li ha allattati fino alla morte

0
Bimbi sopravvivono a naufragio

Bimbi sopravvivono a naufragio: aggrappati al cadavere della madre che li ha allattati fino alla morte. Dove essere un viaggio di svago fino all’isola di Tortuga. Ma quella traversata in mare è trasformato in tragedia per una famiglia venezuelana e i loro amici. Tra loro Mariely Chacón coi i due figli di 2 e 6 anni e la babysitter si sono rifugiati su una scialuppa di salvataggio improvvisata. La donna, 40enne, ha salvato la vita dei suoi due piccoli, allattandoli. Ma per fare ciò è stata costretta a bere la propria urina…

Una gita in barca trasformatasi in un incubo per una donna venezuelana. Mariely Chacon è stata costretta a bere la propria urina per poter salvare i suoi figli allattandoli al seno. I fatti risalgono allo scorso 3 settembre quando, insieme ad alcuni, ai figli di 2 e 6 anni e loro tata d25enne, è partita da da Higuerote per l’isola caraibica disabitata di La Tortuga. O almeno queste erano le loro intenzioni. Durante la traversata un’enorme onda ha fracassato lo scafo della barca. Drammatico il quadro che le squadre di soccorso si sono ritrovati di fronte quattro giorni dopo: i sopravvissuti erano su una scialuppa di salvataggio improvvisata. Mariely era morta e i suoi figli sono stati trovati aggrappati al suo corpo. La tata è stata trovata in un piccolo frigorifero dove, secondo quanto riferito, si era nascosta nel tentativo di proteggersi dal caldo opprimente. Cinque persone tra cui Remis David Camblor – il marito di Mariely e il padre dei bambini, che si diceva fungesse da skipper – sono disperse e la speranza di trovarle sta svanendo.

I bambini, Jose David e Maria Beatriz Camblor Chacon, e la tata sono stati portati d’urgenza in ospedale; sul loro corpo i segni delle disidratazione e ustioni di primo grado. Non sarebbero in pericolo di vita, ma il rischio è che possano soffrire di stress post-traumatico. I funzionari hanno confermato che Mariely è morta per un collasso organico causato dalla disidratazione. Le stesse autorità hanno confermato che ha tenuto in vita i suoi figli bevendo la sua stessa urina in modo da poterli allattare. “È morta tre o quattro ore prima del salvataggio dalla disidratazione, non ha bevuto acqua per tre giorni”. Le loro possibilità di sopravvivenza sarebbero state maggiori se il gruppo avesse avuto una radio, un GPS o altre misure di salvataggio come i razzi. Humberto Chacon, il papà di Mariely, ha affermato che la gita in barca era “semplicemente un viaggio di famiglia per intrattenere i bambini”.

 

Articolo PrecedenteIL MONDO DELLO SPETTACOLO VISTO E RACCONTATO DALLA PARTE DI CHI LO VIVE: “5 CHIACCHIERE CON…” È IL NUOVO FORMAT DI ALESSIO FIORUCCI, UNO SPAZIO VIRTUALE A SUPPORTO DEI GIOVANI TALENTI
Prossimo ArticoloAttirava le ragazze nel suo locale, le faceva bere e le stuprava: una minorenne è rimasta incinta
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.