Bimba rifiutata dall’asilo, la mamma: “Discriminata perché cieca, scuola non vuole troppi disabili”

0
Bimba rifiutata dall’asilo, la mamma.

Bimba rifiutata dall’asilo, la mamma. Denuncia della mamma di Livia, una bambina di tre anni rifiutata dall’asilo perché cieca e la scuola non può prenderla. “Mia figlia discriminata, dovrebbe essere accolta”. La preside dell’istituto di ‘Via Fabiola’ a Monteverde ha risposto: “È fuori dal nostro bacino d’utenza”.

“Mia figlia è stata esclusa dalla graduatoria della scuola perché è cieca”. Sono le parole di Stella, la mamma di Livia, una bimba di tre anni che a settembre andrà all’asilo. Per la figlia ha scelto la scuola per l’infanzia Parboni di viale Trastevere, che l’Asp per non vedenti Sant’Alessio ha valutato adeguata a seguire la piccola e dotata di giochi sensoriali e in musica, tavole Braille per agevolare l’apprendimento e insegnanti che hanno già lavorato con bambini ipovedenti. La mamma ha denunciato l’accaduto: “La dirigente non vuole troppi disabili e ha eliminato il nome di Livia dalla graduatoria, come se la domanda non fosse mai esistita. Procederemo per vie legali”. Come per i bimbi della sua età, i genitori hanno presentato la domanda d’iscrizione, che ha ricevuto sei punti, perché figlia di due lavoratori, ma nessun punto in quanto disabile.

“Per la dirigenza i figli dei lavoratori vengono prima di un bambino con grave handicap – spiega la mamma – Nonostante questi criteri discriminatori, Livia sarebbe rientrata con il punteggio, ma pur di escluderla in ogni caso, hanno eliminato il suo nome, sebbene non sia indicato un massimo di bambini portatori di handicap in una scuola secondo le leggi italiane”. Tanta la delusione e la rabbia della mamma: “Livia non ha nemmeno quattro anni e già si trova a subire discriminazioni per il fatto di essere cieca e proprio dall’istituzione scolastica statale, che non dovrebbe essere fonte di ingiustizia contro un soggetto così fragile, ma al contrario un luogo di accoglienza e crescita”.

La dirigente scolastica: “Fuori dal nostro bacino d’utenza”
Sulla vicenda è intervenuta Fanny Greco, la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo ‘Via Fabiola’. “La nostra scuola è accogliente e il rapporto con i genitori è basato sulla fiducia: non è che non vogliamo prendere Livia, non riusciamo ad accogliere bambini con disabilità oltre ad un certo numero, per garantire un’istruzione di qualità e un’adeguata attenzione nei confronti di tutti – spiega – Attualmente solo nella primaria abbiamo quarantasei alunni disabili con certificazione, alcuni in attesa, undici alla scuola media”. E sulla vicenda specifica chiarisce: “Abbiamo inoltre pubblicato i criteri di selezione, la bambina è fuori dal nostro bacino d’utenza, per questo abbiamo proposto alla mamma un altro istituto scolastico o, in alternativa, un tempo ridotto invece del tempo pieno, assicurandole che l’avremmo ricontattata nel caso in cui si fosse liberato un posto”.

Articolo PrecedenteAvrebbe costretto i dipendenti a restituire parte dello stipendio: architetto ai domiciliari
Prossimo ArticoloCucina la pasta condita con una pianta di montagna, 62enne muore avvelenato
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.