Bimba di 8 anni prende il Covid, non va a scuola per otto mesi. La madre: “Le scuole non sono sicure”

0
Bimba di 8 anni prende il Covid, non va a scuola per otto mesi.

Bimba di 8 anni prende il Covid, non va a scuola per otto mesi. La madre. Anna Hendy, 8 anni, scozzese, si è ammalata ad aprile. Da allora non è mai riuscita a tornare in aula. “Era come un piccolo zombie” dice la madre Helen. La donna è convinta che l’impatto del Covid sui bambini sia stato trascurato e teme che il sistema sanitario possa essere sopraffatto se i bambini vengono rimandati a scuola “senza le giuste misure”.

Il Covid l’ha tenuta lontana da scuola per ben otto mesi. Anna Hendy, 8 anni, è stata colpita dal virus ad aprile e da allora ha dovuto affrontare una serie di problemi di salute a lungo termine, con la situazione peggiorata tre mesi fa a tal punto che da allora non è più stata a lezione. La bambina scozzese ha cercato di tornare a scuola ad agosto ma “era come uno zombi”, ha detto la madre Helen Goss a Metro.co.uk. La donna, che è stata addestrata come infermiera, credeva che sua figlia avesse una sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica (PIMS) non diagnosticata dopo aver preso il Covid-19. Tuttavia, gli operatori sanitari non sono riusciti ad accertarlo.

Anna è stata in ospedale due volte da quando è stata infettata e quando è tornata a scuola cinque mesi dopo “era così stanca che avrebbe dormito sul suo banco” dice la madre. Anna, sua madre e il suo partner sono stati tutti colpiti dal coronavirus all’inizio di aprile a Westhill, Aberdeenshire. Ad avere la peggio è stata proprio la bimba di 8 anni: febbre a 40 ° C, un’eruzione cutanea, debolezza muscolare, battito cardiaco accelerato e perdita del gusto e dell’olfatto. Ad oggi la piccola soffre ancora di mal di testa ricorrenti, dolori muscolari, nausea, e sensazione di pesantezza e lentezza. Helen crede che l’impatto del Covid sui bambini sia stato trascurato e teme che il sistema sanitario possa essere sopraffatto se i bambini vengono rimandati a scuola “senza le giuste misure”, come il distanziamento sociale. Helen ha detto: ‘È un vero peccato per le scuole perché sono state messe in una posizione in cui la gente è convinta che sia sicure”.

Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che le scuole in Regno Unito, chiuse da prima di Natale, non riapriranno sicuramente fino all’8 marzo. La stragrande maggioranza dei bambini guarisce dall’infezione completamente e rapidamente, se sviluppa dei sintomi. Ma avvertendo degli effetti a lungo termine, Helen, che dice che sua figlia non aveva precedenti condizioni di salute di base, ha detto: “Il primo giorno di Anna a scuola era così stanca, da essere come un piccolo zombi” Helen ha detto che la scuola e le autorità locali hanno fatto tutto il possibile per sostenerla, incluso il coinvolgimento di uno psicologo dell’educazione. “Abbiamo fatto un piano a tappe, ma era così spaventata, la sua ansia è andata alle stelle. Non ci sono solo gli effetti fisici, ma l’impatto sulla salute mentale” dice la madre. “C’è ancora così poco riconoscimento sul fatto che questo virus possa esistere nei bambini, è frustrante” conclude.

Articolo PrecedenteIl 100% dei vaccinati ha anticorpi protettivi contro il coronavirus a 7 giorni dalla seconda dose
Prossimo ArticoloDelitto di Bolzano, l’amica di Benno: “Arrivò in ritardo, poi si fece lavare i vestiti”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.