L’attore Bill Cosby, 81 anni, noto in Italia per la serie «I Robinson», è stato condannato per la violenza compiuta ai danni di Andrea Constand: Il silenzio del comico dopo la sentenza

Da «papà d’America» a «predatore violento». Ieri pomeriggio Bill Cosby ha ascoltato in silenzio la sua condanna e il suo futuro: dovrà scontare in isolamento da 3 a 10 anni di carcere per aver violentato nel 2004 Andrea Constand, oggi 45enne. In un’aula di Giustizia della Pennsylvania, Contea di Montgomery, il comico ha appreso dalla bocca del giudice Steven O’Neill i dettagli impietosi della sua nuova identità. Assente la moglie Camille, l’«America’s Dad» è diventato per legge un «sexually violent predator» (Svp). Finché vivrà, si porterà addosso questa «etichetta»». In ogni luogo, se mai uscirà di prigione, il comico ottantunenne dovrà essere «segnalato» nel registro dei criminali sessuali, i suoi spostamenti notificati. Così che tutti nella comunità, dalle scuole alla polizia, saranno informati della presenza di un predatore sessuale.

Da Vip a Svp. In silenzio: il papà dei Robinson, il mattatore del «Cosby Show» negli anni Ottanta, non ha voluto parlare in aula prima della sentenza. In mattinata ha chiesto al giudice conferme su dettagli («Davvero dovrò notificare la mia presenza?»), quasi non volendo considerare l’ipotesi di una lunga detenzione, senza concedersi una difesa «da film». Dopo aver incassato il marchio di predatore, ha aspettato di conoscere l’entità della pena nel primo pomeriggio. Ad aprile il tribunale l’aveva giudicato colpevole per tre atti di violenza ai danni dell’ex amica Andrea Constand, già dipendente della Temple University, drogata e violentata dal comico nel 2004.

«È stato un crimine serio. È arrivato il giorno. È arrivato il momento», ha esordito il giudice Steven O’Neill leggendo la sentenza, che prevede anche una multa da 25.000 dollari. Le «linee guida» dello Stato della Pennsylvania prevedono per reati del genere dai 22 ai 36 mesi di prigione, anche se il magistrato può decidere diversamente, comminando fino a un massimo di dieci anni. La pubblica accusa aveva chiesto una condanna dai 5 ai 10, mentre la difesa aveva perorato gli arresti domiciliari citando l’età avanzata dell’attore e il suo stato di non vedente. Il giudice ha rifiutato la libertà su cauzione, in attesa del ricorso annunciato dagli avvocati. Cosby è il primo famoso a essere condannato dopo la cascata del movimento #MeToo. Più di 50 donne sono uscite allo scoperto accusandolo di molestie nell’arco di decenni. Le denunce di Andrea Constand sono le uniche per cui sia stato trovato colpevole. «Bill Cosby ha distrutto lo spirito meraviglioso di una giovane donna», ha detto il giudice davanti all’imputato. Impassibile, l’attore ha lasciato l’aula: camicia immacolata, bretelle e manette.

Janice Dickinson, una delle accusatrici di Cosby (Reuters)