Berlusconi furioso con Salvini: «Ora Di Maio ci fa chiudere le tv»

0

Il leader di Forza Italia si sente tradito dal segretario della Lega: «Una cosa gli avevo chiesto, di non dare le telecomunicazioni ai Cinque stelle».

«Gli avevo chiesto solo una cosa… Adesso quello se potrà ci farà chiudere le televisioni». Il tono millenarista di Berlusconi sulle sorti di Mediaset accompagna la sequenza di epiteti verso Salvini, reo di non aver tenuto la parola sul tema di governo che al Cavaliere premeva (e preme) più di ogni altra cosa: la delega sulle Telecomunicazioni, che in base ai patti stipulati tra i due alleati di centrodestra sarebbe dovuta andare a un esponente leghista. Così aveva assicurato solo qualche giorno fa il sottosegretario alla presidenza Giorgetti, nel corso di una telefonata con la senatrice azzurra Ronzulli. E invece per Berlusconi si è materializzato il peggiore degli incubi.

La sua descrizione del Biscione che finisce soffocato dalle norme punitive di Di Maio è una forma di difesa preventiva, un modo per preparasi a denunciare un conflitto d’interessi del capo grillino, se davvero il ministro per lo Sviluppo economico decidesse di accanirsi contro l’azienda dello storico avversario politico. Per il Cavaliere inoltre questa è la prova del «tradimento» di Salvini, la dimostrazione che il segretario della Lega non lo considera più un partner strategico, che nei suoi piani il destino di Forza Italia è di essere annessa o al più ridotta a un ruolo ancillare. Altrimenti — questa è la tesi — Salvini si sarebbe speso nella trattativa con l’altro vicepremier, pur di onorare l’accordo con l’alleato.

Ma l’alleanza di centrodestra si è rotta da tempo, e ormai non regge più neppure la narrativa deamicisiana di Salvini, che dice di tenere sempre un filo diretto con Berlusconi. In realtà le relazioni si sono rarefatte e sono mediate, e certo al Cavaliere non può bastare l’estrema garanzia che gli è stata riferita, e cioè che «Di Maio avrà la delega ma poi tutto verrà affidato ai tecnici del ministero». Non sarà così. Perché proprio sulle Tlc il capo dei grillini dovrà dar prova del «cambiamento» anzitutto all’ala movimentista dei Cinquestelle. E infatti il nodo delle Telecomunicazioni è stato il passaggio più delicato nella trattativa a palazzo Chigi. Questa delega per Di Maio aveva più rilevanza della presidenza del Consiglio, non solo simbolicamente: «Le pressioni sono state fortissime», ammette un autorevole dirigente pentastellato. Lo avevano intuito anche sul fronte opposto. Raccontano che venerdì il presidente di Mediaset Confalonieri sia andato su tutte le furie dopo la lettura sul Fatto dell’editoriale di Travaglio, al punto che meditava di querelare per alcuni passaggi ritenuti «calunniosi». In coda al pezzo c’era poi una frase che è stata considerata un vero e proprio avvertimento a Di Maio: se la delega alle Telecomunicazioni fosse affidata a un «finto-leghista che Berlusconi indicherà, o magari ha già indicato, sarebbe l’ultima truffa». Il capo del Movimento in questa fase può assorbire l’urto delle critiche sulla linea del governo, può reggere l’accusa di essere finito al traino di Salvini: c’è sempre tempo per imporre in futuro la propria agenda.

Ciò che Di Maio non si può permettere è di venire additato per aver anche solo indirettamente agevolato il Cavaliere: il marchio dell’«inciucio» lo delegittimerebbe agli occhi del popolo grillino. E non c’è dubbio che il problema abbia fatto da sfondo alla trattativa con Salvini: per questo Di Maio ha voluto per sé la delega alle Tlc. L’argomento è stato affrontato al tradizionale pranzo di Arcore del lunedì: il timore — condiviso alla tavola del Cavaliere — è che per contrastare mediaticamente Salvini, i Cinquestelle muoveranno sui temi della giustizia e delle telecomunicazioni. «Silvio — ha detto Confalonieri a Berlusconi —, politicamente muoviti come meglio credi. L’azienda farà l’azienda, non ha nulla da temere».

Se potesse, Berlusconi griderebbe in pubblico quel che ha sussurrato al premier Conte quando l’ha conosciuto: «…Che poi Di Maio non avrà studiato, ma si vede che è un ragazzo intelligente. Quell’altro invece…». L’altro sarebbe il suo alleato.

 

Articolo PrecedenteMigranti, Macron insiste. Conte congela la visita. Il Colle col governo: giusto pretendere le scuse da Parigi
Prossimo ArticoloFacebook sa esattamente quante volte hai stalkerato il tuo ex
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.