Beppe Grillo difende il figlio dall’accusa di stupro: “Bugie, arrestate me”. Spunta una seconda ragazza

0
Beppe Grillo difende il figlio dall’accusa di stupro: “Bugie, arrestate me”.

Beppe Grillo difende il figlio dall’accusa di stupro: “Bugie, arrestate me”. Beppe Grillo ha difeso in un video pubblicato sul suo blog il figlio Ciro e i suoi tre amici accusati di violenza sessuale avvenuta nel 2019 nei confronti di una studentessa. “Non è vero niente. Arrestate me” ha detto nel corso del filmato. Nel frattempo spunta l’ipotesi di una seconda ragazza violentata.

Beppe Grillo si è espresso sulla vicenda giudiziaria che ha coinvolto il figlio Ciro: non vi sarebbe stata alcuna violenza sessuale secondo il garante del Movimento 5 Stelle. “Ormai sono due anni che questa storia va avanti: se dovete arrestare mio figlio perché non ha fatto niente, allora arrestate anche me perché ci vado io in galera – ha dichiarato Grillo padre in un video caricato sul suo blog -. Voglio una spiegazione sul perché un gruppo di stupratori seriali non è stato arrestato. La legge dice che i violentatori vanno messi in galera, interrogati lì o ai domiciliari. Mio figlio e i suoi amici sono liberi da due anni: perché non li avete arrestati subito?”. La difesa del garante del Movimento arriva in occasione dell’acquisizione di nuovi elementi riguardanti l’indagine per violenza sessuale che vede imputati Ciro Grillo e tre dei suoi amici. Le vittime sarebbero due: oltre alla studentessa italosvedese che ha denunciato la violenza avvenuta nel 2019, anche un’altra donna, secondo le immagini visionate dalle autorità giudiziarie, sarebbe stata vittima di abusi. Il gruppo di ragazzi ha sempre negato la violenza, sostenendo che i rapporti erano stati consenzienti. I quattro sostengono di aver organizzato in quell’occasione una festa a luci rosse, ma di non aver mai compiuto violenza.

L’accusa e la difesa di Beppe Grillo
Ciro Grillo, insieme a tre amici genovesi, era stato accusato di una violenza sessuale avvenuta nel 2019, dopo una notte brava al Billionaire. Secondo le carte, i tre avrebbero costretto una studentessa straniera a bere un litro di vodka per poi violentarla a turno. Il secondo dei quattro figli di Grillo ha negato le accuse fin dall’inizio della vicenda giudiziaria e ha chiesto di essere interrogato per fornire la sua versione dei fatti. Per la difesa del gruppo di amici si è trattato di rapporti consenzienti. Intercettata telefonicamente anche Parvin Tadjik, moglie del fondatore del Movimento 5 Stelle: la donna racconta di aver dormito nell’appartamento accanto a quello del figlio Ciro e che quella notte non avrebbe sentito nulla.

“Perchè non  li avete arrestati? Ce li avrei portati io in galera a calci nel culo – continua il garante del M5S -. Non lo avete fatto perché vi siete resi conto che non è vero niente. Una persona che viene stuprata la mattina, al pomeriggio va in kitesurf e dopo otto giorni fa la denuncia…Vi è sembrato strano. Lo è”. Nel corso della difesa sostiene l’esistenza di un video in cui è evidente la consensualità da parte della ragazza. “Si tratta di un gruppo di ragazzi di 19 anni che ridono e scherzano divertendosi, sono in mutande e saltellano perché sono quattro giovani, non stupratori”.

Grillo si sfoga e difende il figlio: “Stupratore? No è un cogl****”

La seconda ragazza
Secondo l’analisi delle prove raccolte, vi sarebbe una seconda vittima di violenza. La ragazza era una delle invitate alla festa in casa del secondo figlio di Grillo. Nelle immagini visionate dalle autorità, gli indagati avrebbero abusato di lei mentre era incosciente. Le indagini sono andate avanti per 21 mesi e si sono concluse lo scorso novembre. Erano state richieste alcune proroghe per accertare ulteriormente i fatti e visionare la mole di materiale informatico acquisito tra audio, foto, video e perizie. Alla luce dei nuovi elementi, accusa e difesa sono chiamate ad aggiornare le tesi da portare in tribunale.

Articolo PrecedenteMilitare indagato per tentato stupro, il volo per l’Egitto prenotato dall’ambasciata
Prossimo ArticoloVicenza, uccide la moglie 39enne a martellate e si costituisce: “Dorina voleva lasciarlo”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.