Benno Neumair, il presagio dei coniugi uccisi: avevano fatto sparire tutti i coltelli

0
Benno Neumair, il presagio dei coniugi uccisi.

Benno Neumair, il presagio dei coniugi uccisi: avevano fatto sparire tutti i coltelli. Un delitto annunciato, verrebbe da dire. Emergono nuovi particolari inquietanti sul delitto di Bolzano.Pare che Benno Neumair fosse affetto da una schizofrenia paranoide con disturbi di personalità in chiave aggressiva. Dopo il ricovero in Germania doveva iniziare una terapia, ma non si sarebbe mai sottoposto alle cure del caso. I genitori erano terrorizzati…

I genitori di Benno Neumair avevano paura del figlio. Laura Perselli, 68 anni e il marito Peter Neumair, 63, non solo si chiudevano a chiave di notte, ma avevano addirittura nascosto tutti i coltelli presenti nella loro abitazione di Bolzano. Il 31enne, in carcere da quasi due mesi co con l’accusa di duplice omicidio e occultamento dei corpi, ha ammesso di aver ucciso i genitori. Benno sarebbe affetto da una schizofrenia paranoide con disturbi di personalità in chiave aggressiva. La scorsa estate sarebbe stato colpito da una grave e violenta crisi psicotica mentre viveva, con la fidanzata dell’epoca, a Ulm, in Germania. Per questo, fu sottoposto a un Tso di tre giorni in una locale struttura psichiatrica ospedaliera. Poi, papà Peter lo raggiunse e lo riportò a casa, a Bolzano. Avrebbe dovuto sottoporsi a terapia, ma la cura non è mai iniziata. La madre, qualche giorno dopo, preoccupata per le condizioni del ragazzo, in una lettera indirizzata a un’amica, senza nascondere il disappunto per l’impossibilità di curare il figlio, ammise di avere paura. “E’ dura – scrisse Laura Perselli all’amica dopo tre settimane di convivenza in casa con Benno – abbiamo nascosto e messo via i coltelli ma in giro ci sono forbici… c’è di tutto”. Parole che ben fanno intendere quanto la famiglia Neumair avesse bisogno di trovare aiuto psichiatrico per il 31enne.

Benno Neumair si trovava nel carcere di Bolzano dal 29 gennaio scorso. Durante l’interrogatorio di garanzia si era avvalso della facoltà di non rispondere, ma poche settimane più tardi, in data 11 febbraio, ha confessato di aver ucciso i genitori, prima il padre e poi la madre, la sera del 4 gennaio. Successivamente avrebbe fornito altri dettagli sul delitto. Stando a quanto ricostruito, a scatenare la furia omicida del giovane sarebbe stato un forte rimprovero del padre nei suoi confronti. L’uomo, stando al racconto dell’indagato, gli avrebbe dato del fallito e gli avrebbe rinfacciato di non contribuire adeguatamente alla gestione della casa. Solo  dopo il ritrovamento, nelle acque del fiume Adige, del corpo senza vita di Laura Perselli c’è stata la prima ammissione di responsabilità, come l’ha definita il procuratore capo Giancarlo Bramante. I resti di Peter Neumair, invece, non sono stati ancora recuperati.

Articolo PrecedenteTaranto, trovato impiccato Antonio Granata: aveva ucciso a coltellate moglie e suocera
Prossimo ArticoloFermati in aeroporto a Roma con test Covid falsi per prendere l’aereo: denunciati 20 passeggeri
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.