Bari. È stato arrestato dai poliziotti della questura di Bari il 45enne, pregiudicato da poco uscito dai domiciliari, che la sera della vigilia di Pasqua aveva picchiato la compagna 23enne in strada. La violenta aggressione era stata ripresa in un video che, in poco tempo, aveva fatto il giro del web. La giovane non aveva denunciato: “È solo un attacco di gelosia”

Aveva picchiato la convivente 23enne in strada. Il video di quella terribile violenze, girato da un balcone, era diventato virale nella sua crudezza attraverso la nostra pagina Facebook. Ora l’uomo, un pregiudicato barese di 45 anni, da poco uscito dagli arresti domiciliari e sottoposto ad obbligo di dimora, è stato arrestato dalla polizia in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Bari su richiesta della Procura. Gli agenti lo hanno rintracciato nell’abitazione in cui conviveva da 7 mesi con la vittima dell’aggressione. Ora si trova in carcere e deve rispondere di maltrattamenti in famiglia.

La vittima non ha denunciato: “È solo un attacco di gelosia”
La 23enne, nonostante avesse ammesso di essere vittima della violenza, aveva sminuito il fatto specificando che si era trattato di un momento di gelosia generato peraltro da lei stessa. Per questo motivo aveva rifiutato di denunciare il compagno e di allontanarsi dall’abitazione dove conviveva con l’uomo, invito rivolto più volte dai poliziotti e dalla madre. Dalle indagini gli agenti hanno peraltro appurato che la ragazza era stata già vittima di altre violente aggressioni da parte del 45enne.

Il filmato choc dell’aggressione in strada
Lo scioccante filmato era stato realizzato da un vicino della coppia e caricato su Facebook. Nel video si vede la giovane ragazza che, dopo essere stata strattonata da un uomo, è scaraventata sulla pavimentazione stradale e ripetutamente colpita con violenti calci all’addome e al viso nonché fortemente schiaffeggiata per poi essere sputata in viso. All’aggressione assiste anche un secondo uomo, forse un amico della coppia, che non fa quasi nulla per difendere la donna. Solo ad un certo punto prova ad allontanare il 45enne dicendo: “Vabbè, mo stai esagerando”. Ma l’uomo continua a picchiare la 23enne.